AGGIORNAMENTO:
07/07/2021-Continua l’ inchiesta sulla “Task Force Takuba”, venerdì 9 Luglio 2021 intervista live streaming all’ attivista Panafricano MOHAMED KONARE’.
Clicca QUI ed iscriviti all’Evento e seguire la diretta Streaming.

TEMA: Task Force Takuba, l’ interesse strategico dell’Italia in Africa subsahariana.
Operativa dal marzo di quest’anno, ed approvata il 7 luglio 2020 dal Senato della Repubblica Italiana.
Quali sono le vere motivazioni del nostro coinvolgimento con altri 5 Paesi, oltre la Francia, che ci vedono impegnati nelle ex colonie Francofone?

La notizia che in Basilicata vi e’ un centro di addestramento per extracomunitari,  era filtrata sul Social gia’ il 29 giugno scorso, quando l’ Avv. Augusto Sinagra aveva scritto in un post sulla sua pagina Facebook di una presunta “Legione Straniera Italiana” che si stava addestrando in un ex zuccerificio in provincia d Potenza. Per dettagli ed approfondimenti sulla mia prima indagine, compreso il vdeo dell’ edificio in disuso utilizzato dai militari italiani e non,  fate riferimento al mio articolo del 2/7/2021 dal titolo :

BASILICATA:  CAMPI DI ADDESTRAMENTO PER EXTRA COMUNITARI?“.

NdR: si segnala che Gianluca Sciorilli, in riferimento all’intervista da lui rilasciata sulla presunta attività militare addestrativa in Basilicata, lo stesso ha fatto una ipotesi, che seppure plausibile resta tale . Come lo stesso ha dichiarato:
il mio intervento è stato un necessario chiarimento proprio per evitare inutili allarmismi, anche qualora all’interno dell’ex zuccherificio si sia svolta o si svolga una legittima attività o formazione  militare funzionale alle missioni estere di cui l’Italia  è parte attiva .”
Gianluca Sciorilli

Gianluca Sciorilli, esperto internazionale di Intelligence ed antiterrorismo nella diretta streaming di ieri 4 lugli 2021  su uno dei  Canali  Becciolini Network, fa luce sulla vicenda di quello che sta avvenendo nell’ex zuccherificio La Rendina, zona industriale San Nicolo’,  in Provincia di Potenza (Video della struttura da Drone).

Nelle dichiarazioni  dell’ esperto di Intelligence e antiterrorismo Gianluca Sciorilli, si ipotizza che in quel luogo, presumibilmente, Forze Militari Italiane (Reparti dei GIS, GoI, Folgore) inquadrate nella Task Force TAKUBA,  stanno addestrando personale “civile” di provenienza africana da impiegare successivamente in operazioni di Sicurezza nel Mali e non solo.

Nulla di strano o irregolare secondo Gianluca Sciorilli, la Task Force TAKUBA e’ autorizzata ad operare sul territorio italiano in quanto create nel 2019 ed a guida francese e basata su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza ONU (2359) del giugno 2017. Il loro obbiettivo è  assistere, consigliare ed accompagnare militarmente sul campo le forze maliane (Ulri), in coordinamento con le altre forze del G5 Sahel (Burkina Faso, Ciad, Mauritania, Niger), per renderle autonome nel contrasto ai gruppi jihadisti nella regione.

Tutto regolare e alla luce degli accordi Europei per contrastare il terrorismo islamico, dice Sciorilli, ma qualche dubbio sulla vicenda rimane e soprattutto se per la legge italiana e’ regolare addestrare militarmente civili  con personale delle Forze Armate in luoghi di pertinenza del Demanio  senza che questo dimostri almeno chiarezza, non dico sulle finalita’ ma almeno sulle linee generali dell’ uso delle strutture.
Effettivamente l’ Avv Agusto Sinagra aveva torto ad ipotizzare una creazione di una Legione  Straniera Italiana, avrebbe avuto piu’ legittimazione in quanto inquadrata militarmente come appartenente alle Forze Armate Italiane ed i suoi quadri regolati dal Codice Militare. Quello che invece viene fatto nel Centro di addestramento della Task Force Takuba di Potenza (e in chissa’ quali altre zone del nostro Paese) e’ un’ addestramento di CONTRACTOR o Soldato professionista o guardia di sicurezza reclutata con contratto per svolgere attività militari, di sorveglianza o di protezione in zone di guerra.
Stefano Becciolini

Leggi anche:
Decreto missioni: l’Italia rafforza la sua presenza in Africa”

Task Force Takuba: il contributo italiano e le circostanze per il suo successo

NSPA PER SUPPORTARE LA TASK FORCE TAKUBA IN MALI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *