Se noti che il cavallo che stai cavalcando è morto, scendi!”

Per le tue donazilni ai Canali BECCIOLINI NETWORK clicca QUI

Questa semplice saggezza indiana colpisce tutti i partiti politici rappresentati nel Bundestag in Germania alle elezioni del 2021. Si dovrebbe pensare che questa è la terra dei poeti e dei pensatori e che la gente è così sana che crea sempre nuovi partiti dall’interno se i vecchi si squalificano.
Al contrario: l’idiozia galoppante causata dall’abbassamento decennale del livello scolastico combinato con l’isolamento della società in migliaia di gruppi Internet hanno scaricato la cultura che è stata creata insieme nel corso dei secoli.

Il regime fascista può continuare indisturbato il suo programma preparato di assassinio vaccinale e di persecuzione delle persone non vaccinate.
I tedeschi non vedono che il cavallo che cavalcano non solo è morto, ma già puzza di putrefazione. Questo perché i media elogiano la vitalità della carcassa come se fossero essi stessi professionisti medici di prim’ordine.

Sui partiti:
 Se noi – come Dante – saliamo dal peggiore al migliore, allora dobbiamo partire da Die Linke. Qui spicca una coppia ineguale: Oskar Lafontaine, il vecchio intellettuale, e la sua bella moglie, Sarah Wagenknecht, 26 anni più giovane di lui.
Proprio perché entrambi pensano ancora in modo indipendente e danno suggerimenti creativi (come unire le forze di sinistra per bandire pragmaticamente l’avversario nell’opposizione in termini numerici) sono isolati e degradati dal proprio partito.
Là si incita piuttosto la lotta di classe, si annuncia la lotta contro l’ingiustizia tra uomini e donne o si auspica il socialismo con un reddito di base e l’espropriazione in genere.

Mentre come in Don Camillo e Beppone si ama guardare i lampi di ispirazione degli avversari, qui si oscilla solo tra disgusto e pietà.
Un piano più in alto – ma ancora nell’inferno più profondo – incontriamo i Verdi.
Poiché una donna deve sempre essere migliore nelle sue convinzioni dogmatiche, un saltatore sul trampolino non qualificato rappresenta il “potenziale partito di governo”.
Da un vertiginoso 30% dei valori del sondaggio in primavera, questa tipa ha a malapena raggiunto il 14%.
È bastata una semplice ricerca in internet per svelare la pretesa competenza. Per tre volte ha dovuto adattare alla realtà il curriculum falsificato e gonfiato.
Di lei non è rimasto nulla: il libro presentato si è rivelato anche un plagio e quindi una strumentalizzazione secondaria delle dichiarazioni rese da – è difficile crederlo – concorrenti politici.
Inoltre, ogni giorno vengono visualizzati video dannosi su di lei, che mostrano che raramente riesce a pronunciare anche solo una frase in modo impeccabile. L’unica salvezza dall’ostacolo del 5% è l’autore di libri con la barba di tre giorni, Robert Habeck, che riesce effettivamente a colpire il tono che il pubblico verde vuole sentire.

E così si alza e mette in guardia il canto della passione per la giustizia e la verità in politica, che deve sempre dare una risposta alle domande dell’avversario politico, ben sapendo che i cultisti del suo stesso partito lo proteggerebbero proprio come il bassotto, che guaisce al pastore tedesco solo quando c’è una recinzione in mezzo.
Veniamo ai principali rappresentanti del Partito Socialista dell’Unità di Germania – la CDU / CSU. Qui diventa evidente l’intero disastro dei 16 terribili anni della Merkel.
Da oltre il 35% nel 2005 al 24% di oggi, non sono più nemmeno autorizzati a fornire il nome del cancelliere nell’ulteriore grande coalizione che ci si aspetta.

Il candidato, Armin Laschet, ha fatto un casino, ha riso a crepapelle di fronte al disastro dell’alluvione con oltre 100 morti quando credeva di non essere osservato.
Il popolo tedesco non dimentica questa mancanza di tatto! Inoltre, Merkel Laschet aveva prevalso contro la volontà della sua stessa base di partito. Che voleva chiaramente Markus Söder dalla Baviera, che almeno non è così profondamente rilassato e impassibile come il capo del governo del Nord Reno-Westfalia.
L’SPD ha aiutato il comportamento da dilettanti dei partiti un tempo conservatori, l’Unione di CDU e CSU.
L’ex capo del governo della città-stato di Amburgo, Olav Scholz, incarna come nessun altro il desiderio del cittadino: calmo, intelligente, di bell’aspetto, sportivo, eloquente e arguto. Aiuta anche il fatto che abbia già 4 anni di esperienza di governo come ministro delle finanze. Ma così le persone ignorano il gabinetto dell’orrore che Scholz porterà con sè: Karl Lauterbach, che ha mentito alla gente sulla pandemia, Saskia Esken, che non ha nulla da mostrare se non un comportamento sociale disgustoso, e Norbert Walter-Borjans, un radicalschik incolore che ha decenni di obbedienza.

La gente ha anche dimenticato come si è comportato il corrotto Olaf Scholz: il sedicente partecipante al Bilderberg del 2010 improvvisamente non vuole ricordare se e come ha sostenuto Warburgbank nei suoi profitti CumEx o cosa sapeva prima del fallimento di Wirecard.
L’ AfD ce l’aveva in mano: come nel 2017, quando è stata in grado di convertire la crisi dei rifugiati attraverso un atteggiamento e un coraggio per la verità, avrebbe potuto e dovuto smascherare anche questo.
Gli sforzi per farlo erano certamente presenti all’interno del partito, ma Alice Weidel li ha minacciati di espulsione. Invece del motto “il coraggio di essere sinceri”, si praticava ora il motto “mentire per codardia”.
Al nuovo partito “Die Basis” è stato riservato un lavoro importante: ascoltare esperti critici nei confronti del governo, adoperarsi per il networking internazionale per lo scambio di conoscenze, per documentare il crollo morale di istituzioni come il dipartimento della salute, il Robert Koch Institute, la Conferenza stampa federale e vari tribunali, e quindi fornire alle persone una vera alternativa da offrire.
L’autore riconosce come motivazione l’intreccio nelle strutture di potere internazionali. Ovviamente per questa alternativa è stato subito sollevato un attacco contro e la rappresentazione di un’opposizione è un puro servizio a parole.
Né c’è nulla di positivo da dire sui liberali.
Prima delle elezioni del 2017, il presidente Christian Lindner voleva sostenere un comitato investigativo contro Angela Merkel. Ciò avrebbe richiesto solo il 25% dei voti. Questo è esattamente ciò che anche l’AfD sarebbe stato disposto a fare. Ma in vista della possibile partecipazione del governo, questa possibilità è stata gettata nella spazzatura appena 20 minuti dopo la chiusura dei seggi elettorali.
Negli ultimi 4 anni l’FDP è stato invece all’opposizione, cosa che però il cittadino ha appena notato.

Riflessioni finali
Chi governerà con chi? Nessuno inviterà l’AfD ai colloqui con il governo.
L’organizzazione ombrello degli altri partiti (chiamiamola Partito Socialista dell’Unità di Germania – come nella DDR) metterà insieme il prossimo gabinetto degli orrori.
Non importa quale partito sia coinvolto e quale sia all’opposizione. I truffati sono, come sempre, i cittadini.
Presto dovrai prepararti per i lockdown per motivi di protezione del clima. La Corte costituzionale ha già segnalato che il governo può andare in questa direzione.
Tuttavia, come già accennato, la pratica continua del terrore vaccinale, la divisione della società e la criminalizzazione dei sani saranno peggiori.
Il prossimo governo resisterà per 4 anni?
Sì. Per questo sono stati assunti.
Stefan Baūer

Canali di BECCIOLINI NETWORK:
Web Radio
Canale Video Rumble
Canale Telegram
Pagina Facebook
Pagina VK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *