play_arrow

medio oriente

Ultime dal Medio Oriente del 17 gennaio 2023

mica cura di Gabriella Grassotoday16 Gennaio 2023 97

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Ultime dal Medio Oriente del 17 gennaio 2023 a cura di Gabriella Grasso


RIPRODUCI SOPRA PER ASCOLTARE LE NOTIZIE

_______________________________

Una parola un link nell’articolo sottostante

Nel campo di Dheisheh i soldati israeliani ieri hanno arrestato una volontaria italiana, Stefania Costantini. La donna è stata portata via a spalla dai militari. Rimpatriata in giornata.

Sono stati uccisi dalle IOF 12 palestinesi [14 anni, 16, 19, 19, 19, 21, 23, 24, 25, 41, 41, NP]

Secondo B’Tselem nel 2022 l’occupazione ha ucciso il più alto numero di palestinesi dal 2004 / Dal 2000, 55 giornalisti

QUANDO FINIRA’ IL COLONIALISMO?

Lo scorso anno ha dimostrato che l’impunità di Tel Aviv sulla scena internazionale non conosce limiti / Lanciata la chiamata per la settimana dell’apartheid israeliano del 2023, dal 13 al 27 marzo Ben Gvir è entrato ad Al-Aqsa: perché è considerata una provocazione? /Secondo l’Organizzazione per la cooperazione islamica perché è una violazione del diritto internazionale, delle risoluzioni delle Nazioni Unite, della situazione storica e legale esistente ad al-Quds e nei suoi luoghi sacri, e di tutte le norme internazionali pertinenti./ L’occupazione ha impedito la chiamata alla preghiera nella moschea di Ibrahimi 613 volte nel 2022

L’occupazione ha confiscato 39 milioni di dollari dalle entrate fiscali raccolte a nome dell’ANP / Tel Aviv ha approvato le sanzioni anche per il successo ottenuto dall’Anp all’Onu/ Nasce un partito ebreo e arabo: Burg, che anni fa ha annunciato di non essere più sionista è suo leader insieme al palestinese Faisal Azaiza.

Itamar Ben Gvir mette al bando la bandiera palestinese / mentre Amnesty condanna il divieto israeliano / Ebrei contro l’occupazione hanno bruciato la bandiera israeliana

Il governo israeliano ha revocato il permesso di viaggio al ministro degli Esteri palestinese / e ha in programma la consegna ai coloni di terre ed edifici in Cisgiordania/ 13.000 gerosolimitani rischiano il trasferimento forzato /

Ben-Gvir sta preparando una guerra santa per sottomettere una volta per tutte l’opposizione musulmana, e dare il colpo di grazia a ciò che resta dell’Autorità Palestinese. Per ora esclusivamente l’occupazione determina chi entra ad Al-Aqsa, ma Ben-Gvir vuole distruggere il luogo sacro musulmano e riedificare un tempio ebraico. Gli Emirati hanno rinviato l’imminente visita di Netanyahu. / Il deputato israeliano Milwidsky afferma di preferire “assassini ebrei a assassini arabi”, e che devono essere usati contro i palestinesi pena di morte e ritorsione contro le famiglie / La legge israeliana pensata per escludere gli arabi da certe comunità adesso è usata contro gli ebrei / L’occupazione ha arrestato dei membri di Neturei Karta per la loro solidarietà con gli abitanti di Jenin /

Un gruppo per i diritti chiede un’azione internazionale contro le colonie israeliane / L’UE riafferma obiezione all’espansione delle colonie e alla demolizione delle case palestinesi/ e anche Papa Francesco chiede che lo status legale e storico di Gerusalemme venga preservato.

Secondo Pappé ci sono tre formazioni socio-politiche dietro il governo neo-sionista dell’occupazione: della prima fanno parte gli ebrei ultra-ortodossi, con l’eccezione dei Neturei Karta, fedeli al loro tradizionale antisionismo; della seconda gli ebrei nazional- religiosi; della terza il Likud, ebrei laici che aderiscono anche alle tradizionali pratiche ebraiche. Si tratta di uno spietato progetto di colonialismo d’insediamento che non è riuscito finora a trionfare solo per la resistenza e resilienza palestinesi /

Halkin, sionista convinto ammette che il progetto è fallito: l’intero scopo del sionismo era quello di svezzare il popolo ebraico dalla religione e produrre una democrazia laica. Ora il razzismo domina la cultura politica israeliana. / La strategia del regime è un misto di negoziazione e omicidi. L’ala armata della Jihad islamica” che ha stretti legami con l’Iran, sta lavorando “24 ore su 24… per sostenere il fenomeno della resistenza armata in Cisgiordania”. C’è incertezza su ciò che succeserà il prossimo anno /

Esistono bande armate nella Palestina storica senza religione o principi se non quello di cercare denaro. La corruzione sta divorando il corpo dei militari e le forze della resistenza acquistano dalle bande israeliane./

Le donne ucraine che chiedono aiuto a Tel Aviv non trovano rifugio: ma dagli israeliani sono stuprate, abusate e sfruttate

PRIGIONIERI

Le IOF hanno arrestato 170 palestinesi dall’inizio dell’anno / Ben-Gvir ha visitato la prigione di Nafha / per assicurarsi che non siano stati apportati miglioramenti.

Oltre 140 organizzazioni di 25 paesi aderiscono alla Settimana d’azione per liberare Ahmad Sa’adat e tutti i prigionieri palestinesi

GEOPOLITICA

Mentre i palestinesi chiedono ai paesi e alle istituzioni mondiali di boicottare il nuovo governo israeliano / Ecco come l’UE costruisce l’impunità dell’occupazione: chiede una compensazione finanziaria per le strutture distrutte e il popolo palestinese che viene espulso nemmeno esiste nella sua agenda / E cosa aspettarsi dal vecchio continente dove la Gran Bretagna ha perseguito con entusiasmo sia la spartizione dell’Irlanda nel 1921 che la spartizione della Palestina nel 1948?

Secondo il Cremlino gli organi prelevati dall’Ucraina finiscono a Tel Aviv: fatti già documentati nel 2014 durante il conflitto civile nel Donbass.

Secondo l’Ifor, è il continente africano oggi il più colpito da ricorrenti conflitti armati. A Kabul ancora un attentato kamikaze attribuibile all’Isil: 5 i morti

In Iran le idee di cambiamento dei riformisti si agitano e il dibattito è acceso all’interno della maggioranza dei conservatori

Il Brasile ha licenziato il proprio ambasciatore a Tel Aviv /

L’Australia non riconosce Gerusalemme capitale israeliana, / Il Piemonte -più realista del Re- Sì

Il lancio pubblico del Tribunale internazionale dei popoli sull’imperialismo Usa avrà luogo il 28 gennaio a New York

CULTURA

Lo sapevate che le notizie “mainstream” che vengono diffuse in tutto il mondo provengono da 3 agenzie di stampa? Associated Press, Agence France-Presse, Agenzia Reuters Secondo Richard Falk la pretesa di Netanyahu della supremazia esclusiva su tutta la terra promessa sfida il diritto internazionale. Lo spirito palestinese di resistenza e di lotta è stato sostenuto da una profonda cultura ed emerge il reale carattere utopico del Progetto Sionista / I miti biblici che giustificano la conquista della Palestina appartengono alla pattumiera della storia / Sionisti liberali come Grossman devono riconoscere la loro ideologia e ammettere che la deriva politica verso destra è dovuta al sionismo e non a dispetto di esso / Ed ora siamo di fronte a una faglia, una frattura che spingerà i grandi numeri a voltare completamente le spalle all’identità ebraica./

Gli Emirati hanno deciso di insegnare l’Olocausto nelle scuole secondarie / e Tel Aviv ne ha elogiato l’operato / Al direttore di Human Rights Watch invece è stato negato un posto di ricercatore ad Harvard: forse la definizione dell’entità israeliana quale regime di apartheid, ha infastidito molto i sionisti,

Un’etichetta senza scopo di lucro con sede in Belgio sta lavorando con designer palestinesi per creare prodotti che raccontino storie e resistano all’occupazione attraverso l’artigianato

Odissea, metafora del diritto al ritorno, è uno spettacolo teatrale andato in scena a Gaza city: guarda il video

PROSSIMI EVENTI:

21 gennaio: presentazione della rivista ARABPOP – Trieste

22 gennaio: Tantura, diretto dal regista israeliano Alon Schwartz. H 18.00 online Registrati per questo film. – La registrazione per questo evento è stata molto attiva. Suggeriamo la registrazione anticipata e l’accesso anticipato il 22 (aperto un’ora prima dell’inizio del film) poiché le iscrizioni potrebbero superare la capacità della nostra piattaforma [Leggi a proposito di Tantura]

Puoi andare in PALESTINA con l’associazione Ponti e non muri dal 5 al 12 aprile. Iscriviti!




medio oriente

Rate it
0%