play_arrow

medio oriente

Ultime dal Medio Oriente del 25 aprile 2023

mica cura di Gabriella Grassotoday24 Aprile 2023 101

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Ultime dal Medio Oriente del 25 aprile 2023 a cura di Gabriella Grasso


RIPRODUCI SOPRA PER ASCOLTARE LE NOTIZIE

_______________________________

Una parola un link nell’articolo sottostante

I campioni di verità e giustizia dovrebbero pensarci due volte prima di ripetere a pappagallo le asserzioni fornite dalle autorità di Tel Aviv. L’Occidente compresi media internazionali, diplomatici e persino funzionari ONU si bevono le giustificazioni per la fucilazione di Abu Jaber. L’autopsia ha stabilito che il quarantacinquenne ha avuto un ictus.

QUANDO FINIRA’ IL COLONIALISMO?

L’occupazione ha approvato dieci piani coloniali a Gerusalemme e in Cisgiordania 2.969 unità coloniali nella Gerusalemme occupatae ha fermato i lavori di 22 case ed una moschea palestinesi●

Sfidando la repressione dell’Autorità Palestinese, Gli insegnanti stanno conducendo il più grande sciopero degli ultimi anni L’Unione Europea, che è il più grande donatore, chiede una soluzione immediata al problema, dovuto al calo dei finanziamenti esterni, da un lato, e alle continue detrazioni dell’occupazione dall’altro ● Il presidente Abbas non solo ha distrutto il movimento nazionale palestinese ma ha anche bloccato la registrazione di un’organizzazione per i diritti umani Per quanto riguarda la carenza energetica invece la comunità internazionale fa la sua parte rifiutando di ritenerne responsabile il regime sionista. Tel Aviv ha demolito gli impianti fotovoltaici finanziati dai donatori a Gaza e in Cisgiordania, e i donatori continuano a ignorare queste violazioni stanziando nuovi finanziamenti per aiutare i palestinesi. Continuando a eludere le richieste palestinesi di sovranità sulla loro terra e sulle loro risorse naturali, e continuando a proteggere il regime dalle sue responsabilità, i donatori non fanno altro che rafforzare l’oppressione palestinese e la povertà energetica

Armati di fucili d’assalto e altre armi, questa settimana migliaia di coloni hanno preso il controllo delle strade della Cisgiordania settentrionale occupata per dichiarare: questa terra ci appartiene e la vogliamo tutta

Solo il 10% degli israeliani attualmente tornerebbe alle urne

È in corso una campagna di incursioni e arresti in Cisgiordania e Gerusalemme Un comandante che non è riuscito ad arrestare un ricercato a Jenin è stato esonerato Coloni hanno attaccato una cittadina in Cisgiordania, danneggiando proprietà palestinesi Centinaia di altri hanno preso d’assalto Kifl Haris, a Salfit, per eseguire i loro rituali

E altri ancora hanno demolito 5 negozi nella Città Vecchia di Hebron Sotto copertura in pieno giorno ci sono stati raid militari in Cisgiordania E scontri tra giovani e le IOF Leggi come i coloni attaccano continuamente una famiglia palestinese e la loro casa: scendono sempre a piedi dalla cima della collina, brandiscono bastoni e a volte anche pistole, poi attaccano, spaccano e bruciano.

Un attacco armato è stato eseguito contro un autobus di coloni a sud di Nablus

Per i poveri di Gaza andare da un dottore è spesso l’ultima risorsa, La lotta principale è per il cibo.

PRIGIONIERI

Il 17 aprile in tutti i paesi arabi, è dedicato alla libertà dei Prigionieri palestinesi e al sostegno dei loro diritti 4.900 sono i detenuti, tra cui 160 minorenni e ci sono minorenni anche tra i 20 arrestati dalle IOF a Gerusalemme ed in Cisgiordania Come si sopravvive a un decennio di prigionia se l’intento è risucchiare le anime dai corpi dei prigionieri sottoponendoli a un dolore fisico così insopportabile da distruggerli psicologicamente? ●

 

GEOPOLITICA

Secondo la Croce Rossa i prigionieri di Guantanamo mostrano segni di invecchiamento precoce e il governo USA deve intervenire subito Negli Stati Uniti nel 2023 le uccisioni di massa stanno andando avanti a ritmo di record: un attacco alla settimana

Secondo Francesca Albanese, ● cui è stato assegnato il premio “Stefano Chiarini”● occorre applicare il diritto internazionale, e mettere fine ai doppi standard dei media nei confronti della Palestina ● L’ex ministro degli esteri Terzi ne chiede la destituzione Esprimiamo solidarietà alla relatrice speciale ONU è attiva una petizione in proposito ● Quest’anno le Nazioni Unite per la prima volta commemoreranno il giorno della Nakba La Germania vieta i concerti del Grup Yorum, incarcera i rivoluzionari turchi e ha bandito la Giornata dei prigionieri palestinesi. Lo stato tedesco collabora con Ankara e Tel Aviv per soddisfare i suoi interessi imperialisti e compiacere l’imperialismo statunitense. Ebrei antisionisti in Germania in modo crescente sono indicati come antisemiti, accusa solitamente rivolta ai palestinesi

Dato che circa il 90% di tutti gli investimenti nella tecnologia israeliana proviene da fonti estere, i sostenitori dei diritti umani si chiedono quanto di tale investimento sia ideologicamente e politicamente motivato Moody’s ha abbassato le valutazioni di credito di Tel Aviv da “positive” a “stabili”

Tel Aviv rifiuta di rispondere del proprio colonialismo e nonostante il gran parlare della presunta parzialità anti-israeliana delle Nazioni Unite, queste ultime hanno in realtà sostenuto la continua colonizzazione della terra palestinese attraverso futili risoluzioni non vincolanti e rifiutandosi di mettere in discussione la narrativa sulla sicurezza anche quando è l’occupazione a commettere crimini di guerra.

 

In Tunisia Nizar Issaoui, ex calciatore si è dato fuoco in segno di protesta contro lo “stato di polizia” nel Paese, stretto tra la repressione di Saied e la crisi economica. A difendere la Tunisia però continua a pensarci l’Italia

Sudan e Arabia saudita hanno messo in crisi gli Accordi di Abramo Il regime sionista sta perdendo la ‘deterrenza’: la resistenza araba e palestinese hanno cambiato le regole del gioco perciò Tel Aviv ha deciso di rafforzare i legami con l’Azerbaigian in vista di una guerra con l’Iran Nasrallah nel contempo chiede di armare la Cisgiordania, Sinwar, leader di Hamas, minaccia il regime sionista. 2.700 navi hanno partecipato a una parata militare nel Mar Caspio, nel Golfo Persico e nello Stretto di Hormuz a sostegno del popolo palestinese mentre il Sionismo Liberale in USA sta agonizzando: due erano le illusioni care ai sionisti liberali, illusioni strumentali al mantenimento del sostegno occidentale.

Oltre mezzo milione di coloni nei territori occupati nel 1967 ha ucciso la prospettiva di una soluzione a due Stati, mentre l’attuale governo sta sferrando un colpo mortale alla seconda, quella di uno “Stato ebraico e democratico”

Un documento trapelato dal Pentagono mostra come la guerra in Ucraina si stia allargando al Medio Oriente

In Libano la crisi è infinita. La sua speranza sono i giacimenti di gas nel mare, Tuttavia ci vorrà del tempo prima di coglierne i frutti

Scontri in Sudan. Gradito anche all’Italia il capo miliziano Dagalo 180 morti in tre giorni video A Khartoum la popolazione è allo stremo. Si spara ovunque podcast

Nelle Filippine gli USA rafforzano la tenaglia militare contro la Cina con altre 4 basi militari che vanno a sommarsi a ciò che Washington già possiede. Cioè, caso unico al mondo, circa 700 installazioni militari distribuite in 80 diversi paesi nei cinque continenti. Solo in

Corea del Sud gli Stati Uniti possono contare su 56 mila soldati, ai quali vanno aggiunti i 25 mila dispiegati in Giappone ● e questo avviene mentre i leader del Partito Comunista sono torturati e uccisi La metà delle Spose bambine del mondo intero vivono nel Sud dell’Asia, 290 milioni di bambine costrette a diventare mogli per povertà, Una su cinque prima dei 15 anni.

CULTURA

La bellissima Gerusalemme è capitale della Palestina e se non è la capitale degli israeliani, perché i testi scolastici italiani riportano un ‘falso storico’?

Secondo Egidia Beretta “Il Restiamo umani” di Vik è necessario più che mai Ascolta le parole di chi lo ha conosciuto più da vicino

Sono scomparsi l’artista e militante internazionalista svizzero Marc Rodin e la poetessa Salma Khadra Jayyussi, icona intellettuale per la cultura mondiale

Il massacro a sangue freddo di Qana fu eseguito da un governo laburista con Peres primo ministro. Il 18 aprile 1996, l’esercito bombardò deliberatamente e uccise oltre 100 civili nel sud del Libano, la metà bambini. 27 anni dopo, non è stata ancora attribuita alcuna responsabilità per nessuno coinvolto nel massacro, Ya’alon, è poi diventato ministro della Difesa e Bennett Primo Ministro

La sostituzione etnica è scandalo per noi, non certo per l’occupazione

Questa settimana è diventato nuovo membro del Parlamento Buaron, che nel 2010 chiedeva “campi di sterminio” per i palestinesi

Quella israeliana è una società lacerata. E crescono dubbi sulla sua esistenza strategica

Secondo Amira Hass, la riforma giudiziaria è davvero allarmante e spaventosa. Influirà negativamente su molti segmenti della società. Rispetto alla portata della violenza contro i palestinesi, pochissimi palestinesi ricorrono all’uso delle armi e all’uccisione di civili israeliani. L’occupazione prende tutto quello che gli fa comodo dagli Accordi di Oslo, e butta via tutto il resto. E lo stato dell’Autorità Palestinese in questo momento è patetico e tragico

Il Jewish Currents è una rivista di cultura della sinistra ebraica attualmente decisamente schierata per uno Stato unico con pari diritti dei palestinesi Il redattore Jake Wallis Simons del giornale londinese anti-palestinese Jewish Chronicle è stato invece accusato di incitare all’odio contro i musulmani È stato pubblicato un frasario per soldati dell’occupazione che fa della lingua uno strumento di tortura disumanizzando il popolo palestinese● Se hai madre Ucraina e padre palestinese quale guerra sceglieresti per vivere?

È stato pubblicato un nuovo studio italiano di Simone Sibilio “Poesia araba moderna e contemporanea”, una lettura affascinante per persone non esperte animate dalla curiosità di conoscere l’argomento e di Igiaba Scego il romanzo “Cassandra a Mogadiscio”, la memoria, la guerra, il colonialismo, la diaspora, il dialogo intergenerazionale. Intervistata parlando di paesi come Somalia, Ucraina, Siria e Afghanistan

È stata recentemente fondata la rivista Journal of Palestinian Christianity, per una teologia della liberazione civica, per opporsi al sionismo cristiano, la reinterpretazione delle Scritture e la decolonizzazione della mente

L’ambasciatore palestinese in Turchia, Faed Mustafa, ha raccontato in un’intervista ad Anadolu le tradizioni del Ramadan della Palestina ereditate dagli Ottomani e i valori condivisi che uniscono il popolo turco e quello palestinese

È stata lanciata una mobilitazione mondiale per chiedere al gigante delle assicurazioni

AXA di cessare le collaborazioni con l’occupazione Partecipa alla settimana di azione

 

globale BoycottAXA!

E ascolta il brano musicale suggerito oggi: si tratta di Yusor Hamed che sta ridisegnando i confini del sound palestinese fondendo la cadenza mediorientale con l’elettronica europea e gli strumenti tradizionali arabi ●

PROSSIMI EVENTI:

Sabato/domenica, Proiezione online di un film a cura del Palestine Museum – H 18.00 dal 28 al 30 ad Ottawa Conferenza di liberazione per la Palestina: affrontare il colonialismo, immaginare la liberazione

25 Assemblea pubblica – Cagliari

25 In corteo con le bandiere palestinesi – Milano 29 Chicago Palestine Film Festival

 

Viaggi in Palestina:

dal 22 al 29 luglio

in Giordania e in Palestina – d’estate dal 14 al 21 ottobre in Giordania

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

i PODCAST

Invitiamo all’ascolto di Yusor Hamed Brano: Bghamdet 3ein




medio oriente

Rate it
0%