play_arrow

medio oriente

Ultime dal Medio Oriente del 5 dicembre 2022

mica cura di Gabriella Grassotoday5 Dicembre 2022 81 1

Sfondo
share close
  • cover play_arrow

    Ultime dal Medio Oriente del 5 dicembre 2022 a cura di Gabriella Grasso


RIPRODUCI SOPRA PER ASCOLTARE LE NOTIZIE

_______________________________

Secondo il ministero della Salute palestinese 205 palestinesi sono stati uccisi dall’inizio del 2022

La settimana scorsa: 10 palestinesi sono stati uccisi 2 annegati tentando di fuggire, 1 è disperso ed morto anche un ragazzo ortodosso di 16 anni per un’esplosione

COLONIALISMO

198 ONG chiedono alla CPI di indagare sulle violazioni israeliane / Il 29 novembre, Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese / si sono svolte manifestazioni in tutto il mondo per la sua di liberazione/ Ordini di demolizione contro strutture finanziate dall’Ue per un valore di oltre 222mila euro, perché Bruxelles non interviene?/ In un’intervista Francesca Albanese, relatrice Speciale alle Nazioni Unite ha affermato: gli Stati europei? Tutto ciò accade senza nemmeno pretendere ragioni e domandare un minimo di giustizia o di riparazione per i danni. Ecco, questo appare insensato e non solo dal punto di vista della logica, mi sembra dissennato: si spendono soldi europei per pagare le spese di un’occupazione illegale senza nemmeno produrre in prospettiva alcun bene a favore della popolazione occupata. Così anche l’approccio dello sviluppo economico. La situazione assai critica forse renderà più manifesta la vera natura del problema politico israeliano nei riguardi della questione palestinese. / La Norvegia ha offerto oltre 6 milioni di dollari per un progetto energetico a Gerusalemme e a Gaza / I palestinesi e i popoli del Sud del Mondo condividono un legame storico e senza precedenti

/ e all’Assemblea generale del 29 novembre hanno invitato gli Stati membri delle Nazioni Unite a schierarsi contro l’apartheid israeliano / L’ONU ha adottato diverse risoluzioni sulla Palestina, con il voto favorevole di 101 paesi, 17 contrari e 53 astenuti. / Secondo AssisiPaceGiusta il riconoscimento dello Stato di Palestina è urgente ed è primo passo verso una politica di pace possibile / Secondo l’intellettuale israeliano Harari invece Tel Aviv ha abbandonato l’idea della soluzione a due Stati ed ha abbracciato in larga misura un sistema di classi a più livelli, in cui gli ebrei sono al primo posto / Picchialo, colpiscilo, finché non dirà io credo! Come interpretare le risposte alle operazioni di resistenza e le ripercussioni sull’entità sionista? /

L’ANP ha approvato un piano per eliminare la resistenza a Jenin / e secondo i Media ebraici Abbas ha ordinato lo smantellamento delle cellule di resistenza in Cisgiordania Gli attacchi compiuti dagli attivisti di Fatah però sono una nuova minaccia per l’esercito israeliano

Il fatto è che l’occupazione ha concesso pieni poteri al suprematismo ebraico sui territori occupati e si avvicina all’annessione della Cisgiordania / Netanyahu chiede al mondo di dimenticarsi dell’occupazione, mentre Ben-Gvir la vuole in primo piano e al centro / aggiungendo benzina sulla violenza a Gerusalemme e in Cisgiordania / È una faida lunga anni quella di Dorfman, 27 anni, suo futuro Capo Gabinetto con la polizia da lui ritenuta la più antisemita del mondo, una sua frase per tutte: “l’unico problema con i nazisti era essere stati dalla parte oppressa” / Ben-Gvir come ministro della sicurezza nazionale [carica creata apposta per lui] non solo rappresenta un aumento del pericolo per i palestinesi e i loro sostenitori, ma ha anche il potenziale per una guerra culturale nella società israeliana, il suo ambiente sociale non appartiene al ricco establishment, ma alla strada. La sua violenza non è quella dell’esercito, ma di terroristi e teppisti di base./ Ben- Gvir, di origini ebraiche del Kurdistan iracheno vuole la pena di morte per i “terroristi”, immunità totale per i soldati, deportazione dei “cittadini sleali” e carcere per i richiedenti asilo./

La sua nomina è una cattiva notizia per i Palestinesi e parte del suo mandato sarà proprio l’evacuazione degli avamposti coloniali / Il potente rabbino Dov Lior, leader spirituale della coalizione, è sostenitore della pulizia etnica dei musulmani arabi, ed ha esortato a uccidere i palestinesi / Gantz ha avvertito che Ben-Gvir vuole creare una “milizia privata” / ed è “preoccupato per le forze armate israeliane” / Intanto l’esercito israeliano ha rilevato un ‘rapido aumento’ degli attacchi dei coloni ai palestinesi, non solo di estremisti ma anche di coloni “moderati” e normalmente con la completa protezione dei soldati israeliani. Tutti i coloni israeliani e le colonie in cui vivono sono illegali secondo il diritto internazionale / E la Elbit Systems ha rivelato che nella Cisgiordania occupata verrà utilizzato un nuovo “terribile” drone armato, Lanius, in grado di mappare edifici e di volare attraverso stretti corridoi e vani della porta anche in aree urbane.

Da Gaza, dopo le elezioni israeliane, si chiedono per quanto tempo la storia dell’antisemitismo, e dell’Olocausto in particolare, potrà essere usata come un recinto per esentare l’occupazione da discussioni e sanzioni/ L’inviato di “pace” delle Nazioni Unite putroppo è delirante e fornisce copertura per i crimini israeliani, rifiutandosi di fare il nome dell’autore dell’occupazione, del colonialismo e dell’apartheid / Noi invece firmiamo contro il commercio con gli insediamenti illegali: ci sono solo tre mesi alla chiusura della campagna!

PRIGIONIERI

Un enorme striscione ha sventolato a Parigi sollecitando la libertà per Salah Hamouri / con doppia cittadinanza francese e che l’occupazione vuole deportare in Francia con la forza / In Canada per Salah Hamouri è stata inviata una lettera ai funzionari governativi

GEOPOLITICA

Secondo un funzionario dell’UNRWA la situazione dei rifugiati palestinesi in Libano è estremamente allarmante / L’invasione dell’Ucraina dovrebbe mettere sul tavolo l’occupazione della Palestina / Invece un programma di rafforzamento prevede più di 16 miliardi di euro per il bilancio della difesa israeliana del 2023, prove di guerra anti-Iran si sono svolte nei cieli del Mediterraneo il 29 novembre / e l’esportazione israeliana d’armi ha già segnato un netto aumento nel 2021 / ll mondo deve costringere l’occupazione a smantellare il suo arsenale nucleare /

Una delegazione ucraina d’alto livello è arrivata a Tel Aviv per proprio per migliorare lo sviluppo dei propri sistemi d’allarme missilistico / Per quanto ci riguarda c’è sintonia tra Netanyahu e Meloni. Gli istraeliani sono molto contenti del No italiano alla Corte Internazionale di Giustizia e vogliono essere un partner importante in merito alla conservazione dell’acqua, alle energie alternative, all’agricoltura e alla cybersecurity. / Da un punto di vista globale il nuovo non allineamento non ha un programma sociale ed etico positivo ma nasce dalla fredda logica commerciale e di sicurezza dello sviluppo. / Cina, Turchia e UE insidiano il primato russo in Asia Centrale. Non dimentichiamo che le rimesse inviate in patria dai propri emigrati in Russia rappresentano circa il 30% del prodotto interno lordo di Kirghizistan e Tagikistan. Ma l’UE punta alle cinque repubbliche ex sovietiche con l’obiettivo di aggiudicarsi forniture di idrocarburi. L’Uzbekistan, la Cina e il Kirghizistan realizzeranno una ferrovia verso occidente bypassando il territorio russo.

Uzbekistan e Turchia hanno invece firmato un accordo di cooperazione militare. / e Mosca ha stipulato un triplice accordo per il gas con Kazakistan e Uzbekistan

CULTURA

Secondo Di Battista la Palestina è il popolo più dimenticato del pianeta /

Nel primo anniversario della scomparsa molti eventi hanno onorato l’intellettuale arabo Samah Idriss, scrittore, traduttore, editore, co-fondatore del BDS in Libano e cofondatore di Badil. Sue parole: “Se abbandoniamo la Palestina, abbandoniamo noi stessi”.

Il Bds invita la musicista maliana Fatoumata Diawara a non suonare al Barby, locale israeliano noto per il suo sostegno alla violenza coloniale dell’occupazione

Gli ebrei Mizrahi si trovano intrappolati tra l’essere respinti dalle loro terre d’origine e isolati dalla regione araba. Alcuni scelgono di sostenere il sionismo mentre altri lo rifiutano esprimendo solidarietà con i palestinesi, la macchina della propaganda israeliana però continua a parlare per loro.

MONDIALI IN QATAR. I governi stanno con l’occupazione. con i palestinesi invece i tifosi arabi /Nuovi orizzonti per il calcio femminile nel mondo arabo, “È stato uno spettacolo per gli occhi”, ha detto Susan Shalabi, dirigente del calcio palestinese: Commovente vedere questo entusiasmo!

PALESTINA_ORA è il nuovo canale telegram per seguire giorno per giorno in italiano le più importanti fonti arabe di notizie sulla Palestina.

PROSSIMI EVENTI:

9 dicembre cena benefit per la campagna di informazione “Apartheid in Palestina” – Milano




medio oriente

Rate it
0%