🇩🇪 04/06/2023 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today5 Giugno 2023 133

Europa

share close

MINISTRO PISTORIUS CHIEDE A PECHINO DI INTERROMPERE SUBITO GLI ADDESTRAMENTI

Il ministro della Difesa Pistorius ha reagito con allarme alle inchieste di ZDF e “Spiegel”, secondo le quali ex soldati della Bundeswehr stanno addestrando piloti di caccia in Cina. Ha invitato il ministro della Difesa cinese a interrompere immediatamente la pratica.

Dopo le ricerche di ZDF e “Spiegel” sugli ex soldati della Bundeswehr che dovrebbero addestrare piloti di caccia in Cina, le richieste di conseguenze si fanno sempre più forti. Il ministro della Difesa Boris Pistorius si è rivolto al suo omologo cinese Li Shangfu a margine della conferenza sulla sicurezza di Singapore. “Ho chiarito che mi aspetto che questa pratica finisca immediatamente.

Il generale cinese ha reagito con molta cautela alla richiesta di interrompere il programma di addestramento. “Non lo ha negato, ma ha messo in prospettiva il significato dal suo punto di vista”, ha detto il politico SPD.

Pistorius aveva già annunciato ieri le conseguenze. Verrà esaminato ogni singolo caso. “Lo faremo in modo coerente e tutte le violazioni saranno punite”, ha assicurato Pistorius.

I soldati possono svolgere altri compiti dopo il loro periodo nella Bundeswehr, ma ciò deve essere fatto nell’ambito della legge. “Ci sono regole chiare nel Soldiers’ Act su ciò che un soldato o una soldatessa può fare dopo la fine del suo periodo di servizio e cosa no e cosa deve riferire”, ha spiegato il ministro. “Ci sono anche regole chiare sugli obblighi di riservatezza e molto altro”.

Per la presidente della commissione difesa del Bundestag, Marie-Agnes Strack-Zimmermann, questo non basta: chiede regole più severe . “È giunto il momento che questa ingenuità e l’ingenuità tedesca finiscano”, ha detto il politico FDP. “Il fatto che ex soldati dell’aeronautica formino in Cina piloti di jet da combattimento dopo il loro servizio è assurdo, non possiamo accettarlo”.

“Dopo il loro periodo di servizio, qualsiasi forma di addestramento militare da parte dei nostri soldati deve essere limitata ai paesi della NATO e ai partner strategici”, ha chiesto. La formazione in Cina è uno scandalo.

Quando si tratta di reclutare ex soldati, la Cina si preoccupa principalmente di spiare le strategie di difesa della NATO, ritiene il politico della difesa della CDU Roderich Kiesewetter. “Dobbiamo essere consapevoli che la Cina, con l’esperienza di ex piloti provenienti da Gran Bretagna, Germania e altri stati della NATO stanno acquisendo tecnologie di difesa e attacco aereo della NATO e la Cina non utilizza più tali misure per nascondere le sue intenzioni di attaccare Taiwan”, ha spiegato il vicepresidente del comitato del Bundestag per il monitoraggio dei servizi segreti a ZDF.

Lo stato di diritto deve far capire che sa contrastare e difendere gli interessi della democrazia, ha sottolineato su “Spiegel” Reinhard Bütikofer, politico die Verdi e presidente della delegazione Cina del Parlamento Ue. “Se l’avidità porta alla creazione di rischi per la sicurezza per il proprio paese e i suoi alleati come modello di business, non sono superati semplicemente  i limiti della decenza”.

Almeno una manciata di ex ufficiali dell’aeronautica tedesca sono stati impiegati per anni come istruttori in Cina – per stipendi annuali di diverse centinaia di migliaia di euro. Secondo i rapporti, il loro pagamento “apparentemente in diversi casi è passato attraverso società di cassette postali delle Seychelles”. Alcuni di loro lavoravano anche per la compagnia di una spia cinese poi smascherata.

Secondo lo “Spiegel”, le autorità di sicurezza tedesche stanno ora supponendo che i piloti abbiano tradito competenze militari, trasmesso tattiche operative segrete della Bundeswehr e della NATO e praticato scenari di attacco.Secondo quanto riferito da entrambi i media, diversi piloti hanno lasciato domande senza risposta o non hanno potuto essere raggiunti. Un pilota ha negato le accuse.

https://www.tagesschau.de/ausland/asien/ex-kampfpiloten-china-102.html

 

IL CAPO DEL PPE WEBER CHIEDE UN’OPERAZIONE DI POLIZIA FEDERALE NEL MEDITERRANEO

Il leader del Partito popolare europeo ha chiesto una “nuova iniziativa europea di salvataggio” per i rifugiati nel Mediterraneo. Tuttavia, Weber ha sottolineato che non tutti coloro che sono stati salvati dovrebbero avere accesso all’Europa.

Di fronte ai tanti profughi morti nel Mediterraneo, il capo del Partito popolare europeo (PPE), Manfred Weber, ha chiesto una nuova iniziativa di salvataggio europea. “Vorrei che l’Europa si assumesse di nuovo insieme la responsabilità, come abbiamo fatto prima”, ha detto il politico della Csu alla “Neue Osnabrücker Zeitung”.

Salvaguardare e salvare vite nel Mediterraneo è il primo compito degli europei – ed è un compito dello Stato, non delle organizzazioni non governative. Vorrebbe “che, oltre a sostenere organizzazioni di soccorso come Sea-Eye, noi, come Polizia federale, inviassimo anche navi nel Mediterraneo, ad esempio, per assumerci responsabilità insieme come europei”.

Da mesi molte persone cercano di raggiungere il Sud Italia dal Nord Africa attraverso la cosiddetta rotta del Mediterraneo. Recentemente ci sono stati incidenti mortali. Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), la rotta è la più pericolosa di tutte le rotte dei profughi: secondo i dati ufficiali del Ministero dell’Interno a Roma, dall’inizio dell’anno oltre 50.000 migranti hanno raggiunto l’Italia su barconi – nello stesso periodo dello scorso anno erano circa 19.600. Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), più di 980 persone sono morte o sono scomparse durante le pericolose traversate dall’inizio dell’anno.

Secondo Weber il Mediterraneo è una zona morta. “È terribile, e noi europei ora andiamo di nuovo in vacanza sapendo che molte persone muoiono lì”. Tuttavia, ha sottolineato che salvare vite umane non significa automaticamente ottenere l’accesso all’Europa.

Alle frontiere esterne dell’UE va operata una distinzione tra le persone legalmente rifugiate e quelle che sperano in una vita migliore. “Non possiamo dire: tutti quelli che vengono in Europa possono restare”. Coloro che non hanno motivo di essere ammessi dovrebbero essere respinti alla frontiera esterna.

Da maggio 2015 a giugno 2019, la Bundeswehr ha partecipato al salvataggio in mare di naufraghi nell’ambito della missione navale europea “Operazione Sophia” nel Mediterraneo. La missione principale della missione era inizialmente quella di combattere i contrabbandieri criminali nel Mediterraneo centrale.Il motivo della fine dell’operazione navale era che gli Stati membri non potevano concordare un sistema per la distribuzione dei migranti salvati dall’emergenza in mare.

https://www.tagesschau.de/inland/evp-weber-bundespolizei-mittelmeer-100.html

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%