🇩🇪 07/05/2023 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today7 Maggio 2023 124 1

Europa

share close

GERMANIA: PARADISO DELLA MAFIA?

I blitz più recenti hanno mostrato quanto siano radicate le strutture mafiose in Germania. La Germania è considerata un rifugio attraente per la mafia. Perché?

La giornalista Petra Reski, autrice di libri, che tratta da anni il tema della mafia, afferma che i mafiosi italiani sanno benissimo che in Germania non succede niente.

A loro avviso, la Germania non sta intraprendendo un’azione decisiva contro la mafia. Ma questo non è dovuto alle indagini. “Certo, non è colpa degli investigatori. Mancano ancora le leggi giuste”, dice Reski. «Perché i mandati di arresto emessi durante i raid erano mandati di arresto internazionali emessi sulla base della legge italiana. In Germania le leggi non sarebbero state sufficienti per i mandati di arresto».

Per decenni, la Germania è stata considerata un paradiso per la mafia italiana: attività ad alta intensità di denaro come ristoranti e gelaterie vengono utilizzate per riciclare denaro proveniente da attività criminali.

Inoltre, la Germania è attraente come rifugio sicuro per la mafia. In Germania non c’è la volontà politica di emanare leggi mafiose più severe in materia di riciclaggio di denaro o appartenenza alla mafia, critica Reski. Questo non è così chiaramente definito in Germania come in Italia. “Un poliziotto tedesco, un investigatore, non può dire: da dove vengono i soldi che stai investendo attualmente nella tua gelateria o pizzeria? Ci deve essere un motivo ben preciso di sospetto. In Italia, invece, tutti devono mostrare chiaramente da dove viene il denaro e da dove può venire, rendendo più difficile investire denaro”.

Sandro Mattioli condivide queste osservazioni. È presidente dell’associazione “mafianeindanke” e si batte contro la criminalità organizzata e le attività della mafia.

“Il ruolo della Germania come centro di riciclaggio è favorito anche dalla grande quantità di denaro contante in circolazione, dalle sue dimensioni come piazza finanziaria e soprattutto da leggi inadeguate”, afferma Mattioli.

Le organizzazioni mafiose si sono insediate in Germania già negli anni ’60 e ’70: Cosa Nostra dalla Sicilia, la ‘Ndrangheta dalla Calabria e la Camorra da Napoli. Oltre al pizzo, i clan sono profondamente radicati in Germania. Possiedono alberghi, ristoranti, immobili e aziende, spiega Mattioli. “Quello che non dobbiamo dimenticare è che la mafia è attiva anche in ambito giudiziario. Le aziende di medie dimensioni in Germania sono particolarmente attraenti per i criminali mafiosi perché la consapevolezza che i mafiosi potrebbero essere in Germania non è spiccata». C’è una situazione politicamente ed economicamente stabile in Germania. Ciò significa che se i criminali investono denaro qui, non devono preoccuparsi di perderli.

“Da parte delle forze dell’ordine, qui si fa solo ciò che è necessario e operazioni come i blitz a livello europeo ora avvengono solo di tanto in tanto”, afferma Mattioli. La sua associazione “mafianeindanke” chiede un’azione continua contro le organizzazioni di tipo mafioso in Germania.

Mattioli chiede che la lotta al riciclaggio di denaro venga finalmente trattata come una parte centrale dell’azione penale in Germania.

La giornalista Reski critica anche il fatto che i soldi della mafia siano ben accetti in Germania. “Il riciclaggio di denaro è molto conveniente per i politici tedeschi ed è visto come una sorta di programma di stimolo economico. Non stiamo parlando solo di gelaterie dove si ricicla denaro. Stiamo parlando di grandi investimenti, di immobili che sono stati acquistati , su intere strade che sono state acquistate.”

La mafia è un’organizzazione globale che agisce strategicamente ed è massicciamente attiva in Germania, anche se non sempre è visibile. Le recenti incursioni sono un successo, dice Mattioli. “Sicuramente può essere visto come un segnale positivo perché ne risentono clan noti. Ma bisogna ridimensionare questo successo negli effetti. Visti i 505 membri della ‘Ndrangheta che, secondo le autorità, vivevano in Germania, qualche mandato d’arresto non significa vittoria contro la mafia”.

La Germania deve fare di più e vedere questi raid come un preludio alla lotta alla mafia. La cooperazione transfrontaliera è un dovere.

https://www.tagesschau.de/inland/gesellschaft/deutschland-mafia-100.html

SETTIMANA DI LAVORO DI QUATTRO GIORNI?

Lavorare dal lunedì al giovedì e poi tre giorni liberi: l’idea di una settimana di quattro giorni è stata a lungo discussa seriamente. La co-leader dell’SPD Saskia Esken ha recentemente affermato di poter ben immaginare una settimana di quattro giorni con lo stesso salario.

E il capo del più grande sindacato individuale tedesco, il potente IG Metall, vuole negoziare la settimana di quattro giorni per l’industria siderurgica a partire da novembre, con piena compensazione salariale. Jörg Hoffmann lo ha annunciato nel “BILD”. “Prima di tutto, abbiamo bisogno della settimana di quattro giorni per i lavori in cui non è possibile l’home office, come nei cantieri. E per il lavoro a turni”.

Le organizzazioni dei datori di lavoro sono naturalmente meno euforiche. Indicano la carenza di lavoratori qualificati. Ritengono la richiesta della IG Metall per un giorno di lavoro in meno con lo stesso salario “conto da lattaia”.

Finora, sono state le singole aziende a far lavorare meno i propri dipendenti. Singole aziende in Germania hanno già testato il modello. Il Münchner Merkur sulle aziende dell’area di Augusta che hanno introdotto il modello settimanale di quattro giorni, tra cui il colosso del mobile XXXL Lutz.

Wedel nel distretto di Pinneberg offrirà anche ai dipendenti della città la settimana di quattro giorni da aprile. A Bielefeld, la clinica municipale sta facendo un test e fa lavorare il personale infermieristico per quattro giorni.

In Gran Bretagna c’era probabilmente il più grande progetto pilota per la settimana di quattro giorni. Hanno partecipato complessivamente 91 aziende con 3.500 dipendenti. Per un periodo di sei mesi, i dipendenti hanno lavorato quattro giorni alla settimana in scenari diversi con la stessa retribuzione.

La conclusione dello studio: non solo le vendite sono aumentate in media dell’1,4%, ma i dipendenti dell’azienda hanno registrato anche il 65% in meno di giorni di malattia. Erano più motivati ​​al lavoro e c’erano molti meno licenziamenti. Il 91% delle aziende è soddisfatto e desidera mantenere la settimana di quattro giorni.

Uno studio in Islanda ha fornito risultati simili, in cui 2.500 persone sono passate a una settimana di quattro giorni per cinque anni, pur mantenendo lo stesso stipendio. C’è anche più soddisfazione ovunque, come dimostra un’intervista di “ZEIT ONLINE” con uno scienziato che ha valutato lo studio.

Secondo un sondaggio dell’istituto di ricerca d’opinione YouGov tre quarti di tutti i dipendenti tedeschi sarebbero favorevoli all’introduzione di una settimana di quattro giorni sul posto di lavoro.

Dei 3.900 dipendenti intervistati, due terzi sosterrebbero l’idea di una settimana di quattro giorni solo se ci fosse un compenso salariale completo, e circa il 14% degli intervistati lo farebbe anche senza.

https://www.upday.com/de/kommt-bei-uns-bald-die-vier-tage-woche



Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%