🇩🇪 07/11/2022 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today7 Novembre 2022 321 1

Europa

share close

VISITA DEL CANCELLIERE SCHOLZ IN CINA

Per quanto breve sia la permanenza in Cina, la pressione su Scholz è altrettanto pesante. Il viaggio è visto con scetticismo nella sua stessa coalizione, tra i suoi partner europei e a Washington. Scholz è il primo leader occidentale a visitare Pechino dopo la dimostrazione di forza di Xi Jinping alla conferenza del Partito Comunista.

Cinque sono i punti cruciali dell’incontro, rivelati al Frankfurter Allgemeinen Zeitung.

  1. La Cina di oggi non è più la stessa di cinque o dieci anni fa. I risultati del Congresso del Partito Comunista Cinese, appena conclusosi, parlano da soli: gli impegni per il marxismo-leninismo occupano molto più spazio che nelle precedenti risoluzioni del congresso del partito. Il perseguimento della sicurezza nazionale, sinonimo di stabilità del sistema comunista, e l’autonomia nazionale diventeranno più importanti in futuro. È chiaro che se la Cina cambia, anche il modo in cui trattiamo il Paese deve cambiare. Servono senso delle proporzioni e pragmatismo.

 

  1. Non solo la Cina, ma anche il mondo è cambiato. La guerra della Russia contro l’Ucraina sfida brutalmente l’ordine internazionale di pace e sicurezza. Il presidente Vladimir Putin non evita più la minaccia delle armi nucleari. In tal modo, minaccia di attraversare una linea rossa tracciata da tutta l’umanità. All’inizio dell’anno, la Cina si è chiaramente posizionata contro l’uso o addirittura la minaccia delle armi nucleari in una dichiarazione con gli altri membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU. In quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza, la Cina ha una responsabilità speciale.

Questi includono la sovranità e l’integrità territoriale di tutti gli stati. Nessun paese è il “cortile” di un altro. Ciò che vale in Europa per quanto riguarda l’Ucraina vale anche in Asia, in Africa o in America Latina.

La Cina, a sua volta, ha annunciato la speranza di una “fine anticipata” della guerra. Il primo ministro Li Keqiang ha dichiarato dopo i suoi colloqui con il cancelliere tedesco: “Non possiamo permetterci un’ulteriore escalation”.

Un’affermazione davvero impressionante, in quanto è più chiara di ciò che la Cina abbia mai fatto finora sulla guerra. Ricordiamo infatto che la Cina non ha mai apertamente condannato l’aggressione della Russia all’Ucraina.

  1. Anche in circostanze mutate, la Cina rimane un importante partner economico e commerciale per la Germania e l’Europa. Non vogliamo il disaccoppiamento dalla Cina. Ma cosa vuole la Cina? La strategia economica cinese mira a rafforzare il mercato interno cinese e ridurre la dipendenza da altri paesi. In un discorso di fine anno 2020, il presidente Xi Jinping ha parlato anche dell’utilizzo delle tecnologie cinesi per “aumentare la dipendenza delle catene di produzione internazionali dalla Cina”. Prendiamo sul serio tali affermazioni. Quindi dovremmo ridurre le dipendenze unilaterali nell’interesse di una diversificazione intelligente. Gran parte del commercio tra Germania e Cina riguarda prodotti per i quali non mancano fonti di approvvigionamento alternative né la minaccia di pericolosi monopoli. Al contrario, Cina, Germania ed Europa ne beneficeranno allo stesso modo. Tuttavia, laddove sono sorte dipendenze rischiose – ad esempio con importanti materie prime, le nostre aziende stanno ora giustamente ampliando le loro catene di approvvigionamento. Li supportiamo in questo, ad esempio attraverso nuove partnership di materie prime.

Anche nel caso degli investimenti cinesi in Germania, distinguiamo a seconda che tale transazione crei o rafforzi dipendenze rischiose. Per inciso, quello era anche il parametro di riferimento che il governo federale ha applicato nel caso della partecipazione di minoranza detenuta dalla compagnia di navigazione cinese Cosco in un terminal del porto di Amburgo. Grazie a requisiti chiari, il pieno controllo del terminal rimane alla città di Amburgo e alla compagnia portuale. Siamo molto, troppo lontani dalla reciprocità nelle relazioni tra Cina e Germania, ad esempio per quanto riguarda l’accesso al mercato per le aziende, le licenze, la protezione della proprietà intellettuale o questioni di certezza del diritto e parità di trattamento dei nostri cittadini. Continueremo a chiedere reciprocità. Laddove la Cina non consente questa reciprocità, ciò non può rimanere senza conseguenze.

  1. Oltre alla guerra in Ucraina, Scholz ha sollevato anche altre questioni. Ad esempio, ha messo in guardia la Cina dall’intervento militare a Taiwan. La Cina vede l’isola come parte del proprio territorio.

La situazione tesa intorno a Taiwan è preoccupante. Come gli Stati Uniti e molti altri paesi, abbiamo una politica della Cina unica. Tuttavia, ciò significa che lo status quo può essere modificato solo pacificamente e di comune accordo. La nostra politica mira a mantenere l’ordine basato sulle regole, la risoluzione pacifica dei conflitti, la protezione dei diritti umani e delle minoranze e un commercio mondiale libero ed equo.

Il Cancelliere ha anche chiesto la protezione e l’attuazione dei diritti umani, alludendo chiaramente alla regione dello Xinjiang nel nord-ovest della Cina, dove, secondo l’Onu, sono perseguitate persone di origine musulmana. I diritti umani “non sono un’ingerenza negli affari interni”, ha affermato Scholz.

  1. Quando vado a Pechino come cancelliere tedesco, lo faccio anche come europeo. Quindi ha anche affrontato la tematica del cambiamento climatico dato che la Cina svolge anche un ruolo cruciale quando si tratta di porre fine alla crisi alimentare globale, sostenere i paesi altamente indebitati e raggiungere gli obiettivi di sviluppo delle Nazioni Unite. Ecco perché è positivo che Pechino si sia posta obiettivi ambiziosi per l’espansione delle energie rinnovabili, e che si assuma ancora più responsabilità per la protezione del clima, soprattutto a livello internazionale.

C’erano anche notizie relative alla pandemia. Durante la visita del cancelliere, la Cina ha dato il via libera all’approvazione del vaccino di Biontech. In futuro, potranno essere vaccinati gli stranieri che risiedono nel paese. “Naturalmente, questo può essere solo un primo passo”, ha detto Scholz. “Mi auguro che la cerchia dei beneficiari possa presto allargarsi, fino alla generale disponibilità gratuita del materiale”.

Insieme “hanno anche parlato della prospettiva di un’approvazione generale di Biontech in Cina e una più stretta cooperazione con l’Agenzia dell’UE per i medicinali l’EMA.

Fonte: https://www.bundesregierung.de/breg-de/suche/kanzler-gastbeitrag-faz-china-2139416 und https://www.tag24.de/nachrichten/politik/deutschland/politiker/olaf-scholz/olaf-scholz-in-china-das-sind-die-ersten-ergebnisse-der-kanzler-reise-xi-jinping-biontech-taiwan-menschenrechte-2655591

 

Dopo il lancio di missili nordcoreani gli USA inviano bombardieri a lungo raggio.

Secondo il ministero della Difesa sudcoreano, in risposta ai numerosi lanci di missili da parte della Corea del Nord, un bombardiere strategico dell’aeronautica americana prenderà parte alle esercitazioni militari congiunte tra i due Paesi.

La Corea del Sud aveva precedentemente chiesto agli Stati Uniti di aumentare l’uso di “risorse strategiche”, che includono portaerei, sottomarini nucleari e bombardieri a lungo raggio come il B-1B.

È il primo utilizzo di bombardieri B-1B nella Corea del Sud nelle esercitazioni che si svolgono sin dal 2017.

Le esercitazioni, inizialmente previste fino a venerdì, sono state invece prorogate fino a sabato in risposta ai test nordcoreani.

La Corea del Nord sta riscaldando da giorni le tensioni nella regione con diversi lanci di razzi per protestare contro la manovra e il dispiegamento dei caccia americani.

La Corea del Nord ha fatto esplodere una serie di razzi solo questa settimana. Tra di loro c’era apparentemente un missile balistico intercontinentale. Secondo le informazioni sudcoreane, probabilmente si è schiantato durante il volo, cosa che indica un test fallito.

I missili intercontinentali hanno una portata di migliaia di chilometri e possono essere armati con testate nucleari. Secondo le informazioni di Seoul e Washington, quest’anno diversi test nordcoreani di tali missili sono falliti.

Nella notte di venerdì, Pyongyang ha sparato colpi di artiglieria contro la “zona cuscinetto marittima” nella zona di mare tra la Corea del Nord e la Corea del Sud. Secondo l’esercito sudcoreano, venerdì 180 aerei da guerra nordcoreani sono stati rilevati nello spazio aereo della capitale nordcoreana.

Gli USA hanno anche invitato la comunità internazionale ad attuare pienamente le sanzioni contro la Corea del Nord. Washington e Seoul avvertono da mesi che la Corea del Nord potrebbe condurre un test sulle armi nucleari nel prossimo futuro. Sarebbe il primo test di questo tipo dal 2017. La Corea del Nord ha effettuato sei test di armi nucleari dal 2006.

Fonte: https://www.tagesschau.de/ausland/asien/nordkorea-suedkorea-militaeruebung-raketen-101.html




Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%