🇩🇪 11/06/2023 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today12 Giugno 2023 141

Europa

share close

Lettera contenente polvere bianca inviata all’ufficio elettorale di Robert Habeck

Una busta dal contenuto sospetto innesca un’operazione di polizia a Flensburg. La lettera anonima era indirizzata al ministro federale dell’Economia Robert Habeck, è stata consegnata mercoledí scorso al suo ufficio elettorale.

Una stazione di polizia di Flensburg è stata evacuata a causa di una busta indirizzata al ministro federale dell’Economia Robert Habeck (Verdi) con una polvere bianca sconosciuta. Il mittente della lettera era anonimo, ha detto un portavoce della polizia. Dopo che un dipendente dell’ufficio di Habeck ha consegnato la busta alla stazione di polizia, la polizia ha chiamato i vigili del fuoco a causa del contenuto sospetto.

L’operazione si è conclusa dopo quasi tre ore.

Non è ancora chiaro che tipo di polvere fosse. Dopo un’indagine, sono state escluse sostanze chimiche e radioattive pericolose. Tuttavia, non è ancora chiaro se la polvere contenga sostanze biologiche. L’inchiesta è ancora in corso e quindi attenderemo nei prossimi giorni se ci saranno sviluppi e ulteriori informazioni sull’origine di questa polvere bianca e sul mittente della busta. Se si tratta di una minaccia seria o di un mitomane.

https://www.zeit.de/politik/deutschland/2023-05/robert-habeck-wahlkreisbuero-flensburg-weisses-pulver-verdaechtige-substanz-drohung?utm_referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com%2F

 Perché solo un confine è controllato?

A differenza del confine con l’Austria, non ci sono controlli fissi al confine con la Polonia. Ed è qui che avviene la maggior parte degli ingressi illegali.

Il numero crescente di richiedenti asilo in Germania mantiene in corso un dibattito sull’ampliamento dei controlli permanenti alle frontiere. Il ministro federale dell’interno Nancy Faeser (SPD) ha prorogato di sei mesi i controlli al confine con l’Austria, mentra al confine con la Polonia finora ha rifiutato controlli stazionari.

Questo non è abbastanza per la CDU. Parlano di una “soluzione fittizia”. L’argomento alla base: più persone potrebbero essere rimandate in Polonia attraverso i controlli – e quindi non avvierebbero una procedura di asilo in Germania.

Il ministero dell’Interno guidato dall’SPD afferma di voler “combattere” l’immigrazione clandestina. E questo avviene soprattutto oltre confine con Austria, Svizzera, Polonia e Repubblica Ceca. Dal 2022, più di tre quarti degli ingressi illegali registrati hanno attraversato questi confini. Questo è il risultato dei dati della polizia federale: il numero dei trasferimenti è recentemente aumentato, in particolare in Polonia. Quest’anno è il Paese di transito più importante, davanti all’Austria. Dei circa 5.300 ingressi illegali nelle statistiche preliminari di aprile, poco meno della metà erano al confine tedesco-polacco.

In una lettera alla Commissione Ue, il ministro federale dell’Interno Faeser ha tuttavia descritto l’ingresso attraverso il vicino meridionale come la “via principale dell’immigrazione clandestina verso la Germania”.

Interpellato da tagesschau.de, il ministero federale dell’Interno ha lasciato senza risposta,, secondo lei la valutazione della situazione in Polonia e in Austria è diversa. La situazione viene monitorata “con attenzione”, ma l’introduzione temporanea dei controlli alle frontiere in generale “continua a essere vista come l’ultima risorsa”, spiega un portavoce.

In passato, Faeser aveva anche avvertito che i controlli stazionari avrebbero compromesso il traffico di frontiera. In Baviera, il governo statale è ora soddisfatto dei controlli. Il ministro dell’Interno della CSU Joachim Herrmann ha accolto con favore la rinnovata proroga.

La società autostradale austriaca ASFINAG mostra gli attuali tempi di attesa sul suo sito web. In base a ciò, i conducenti spesso non devono attendere cinque minuti ai valichi di frontiera autostradali verso la Germania. I controlli sono solo saltuari. Nella tarda serata di giovedì, tuttavia, ci sono voluti 30 minuti in più tra Salisburgo e Rosenheim.

L’ADAC sta attualmente avvertendo che i viaggiatori potrebbero aspettare mezz’ora o più “nelle ore di punta della principale stagione di viaggio”. Dall’Austria, la SPÖ chiede quindi la fine dei controlli tedeschi.

Si discute se la polizia federale possa effettuare controlli permanenti a una seconda o terza frontiera. Critico, ad esempio, è il sindacato di polizia, che negli ultimi mesi ha più volte chiesto personale aggiuntivo.

Finora controlli e respingimenti hanno avuto solo un effetto limitato sul numero dei richiedenti asilo. Nel primo trimestre del 2023 sono stati ammessi in Germania circa 57.700 richiedenti asilo e circa 102.000 persone provenienti dall’Ucraina. Meno del dieci per cento delle domande di asilo sono state presentate da persone arrestate dopo essere entrate illegalmente nel paese.

Ciò è compensato da circa 4.700 rifiuti. Oltre agli afghani e ai siriani, vengono respinte persone provenienti in particolare dai Balcani, dall’India o dai Paesi nordafricani, compresi i minori non accompagnati. I respingimenti sono avvenuti quasi esclusivamente alle frontiere con Austria e Svizzera. Tuttavia, non ci sono controlli alle frontiere in quest’ultimo.

È quindi quantomeno discutibile se più controlli porterebbero anche a più rifiuti. Un gran numero di persone fermate al confine tedesco-polacco non è stato registrato né in Polonia né altrove. E le persone colpite a volte sono finite in una procedura di asilo tedesca nonostante il rifiuto.

A maggio, anche diverse organizzazioni per i diritti umani hanno accusato la polizia federale di cosiddetti respingimenti in Austria. In almeno sei casi alla fine del 2022, si dice che persone provenienti dalla Germania siano state portate lì nonostante avessero precedentemente espresso il desiderio di asilo. Sarebbe una violazione della legge. La Polizia Federale nega un simile approccio.

La linea di base del governo federale è quella di “limitare la migrazione irregolare e consentire rotte migratorie legali”, ha affermato il portavoce. Ciò richiede una riforma del sistema europeo comune di asilo.

Giovedì sera, i ministri degli interni dell’UE hanno deciso, con l’approvazione di Faeser, di inasprire la legge europea sull’asilo. La forma della riforma dipenderà da ulteriori consultazioni con il Parlamento europeo. E così i controlli alle frontiere saranno di nuovo un tema alla conferenza dei ministri degli interni tedeschi che inizierà mercoledì prossimo.

https://www.tagesschau.de/inland/innenpolitik/grenzkontrollen-226.html

 

 



Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%