🇩🇪 07/11/2022 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today13 Novembre 2022 203 2

Europa

share close

QUASI UN QUINTO IN PIÙ DI FALLIMENTI

Il numero di fallimenti aziendali è aumentato in modo significativo. Particolarmente turbate sono le piccole imprese ei lavoratori autonomi: sullo sfondo della crisi energetica e della recessione incombente, in Germania si registrano ancora una volta molti più fallimenti aziendali. Il numero di insolvenze regolari richieste dalle imprese è aumentato del 18,4 per cento in ottobre rispetto al mese precedente, come annunciato oggi dall’Ufficio federale di statistica.

Secondo i risultati finali, i tribunali distrettuali tedeschi hanno denunciato 1.147 insolvenze aziendali ad agosto, l’11,5% in più rispetto a un anno prima:

La maggior parte dei fallimenti si è verificata nel settore edile con 198 casi, con un aumento del 4,2% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Il settore soffre di difficoltà di approvvigionamento, aumento dei prezzi e, a causa della crisi, sempre più cancellazioni di progetti. Nel commercio (compresa la manutenzione e la riparazione di autoveicoli) si registra il 18 per cento in più rispetto a un anno fa.

Gli esperti si aspettano ancora più fallimenti aziendali a causa del rallentamento economico. Si aspettano un’inversione di tendenza nei dati sull’insolvenza, che invece erano diminuiti anche grazie alle esenzioni legali durante la crisi pandemica. La crisi energetica, l’inflazione elevata e un’economia globale congelata stanno attualmente colpendo l’economia tedesca. Nel loro rapporto annuale presentato questa settimana, gli esperti economici prevedono una recessione per il 2023.

Il rallentamento economico sta causando particolari problemi ai lavoratori autonomi e alle microimprese“, ha affermato Klaus Wohlrabe, capo dei sondaggi IFO. “Le preoccupazioni esistenziali stanno aumentando notevolmente“. Il 19,5% delle aziende in quest’area vede attualmente minacciata la propria sopravvivenza economica. Questo è significativamente più del 7,5% nell’economia nel suo insieme. Secondo l’istituto IFO, le prospettive per le microimprese sono cupe, soprattutto nel commercio al dettaglio e nel settore delle costruzioni: “L’incertezza tra i lavoratori autonomi e le microimprese ha superato ancora una volta il record del mese precedente”.

Fonte: https://www.tagesschau.de/wirtschaft/unternehmen/insolvenzen-oktober-firmenpleiten-101.html

 

QUALI PREZZI STANNO AUMENTANDO FORTEMENTE

L’inflazione in Germania è al livello più alto degli ultimi 70 anni. L’Ufficio Federale di Statistica ha ora annunciato quali prezzi sono aumentati in modo particolarmente marcato. L’inflazione in Germania ha superato il 10% in ottobre. I prezzi al consumo sono aumentati del 10,4% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, l’aumento più forte in circa 70 anni. L’inflazione non è mai stata così alta nella Germania riunificata. L’Ufficio Federale di Ftatistica (Destatis) ha confermato oggi la sua stima preliminare. Allo stesso tempo, l’autorità di Wiesbaden ha annunciato i dettagli di quali prezzi per le famiglie sono aumentati in modo particolarmente marcato.

Come negli ultimi mesi, il principale motore dell’inflazione sono i prezzi dell’energia, che sono aumentati in modo significativo a seguito dell’attacco russo all’Ucraina e del relativo crollo dell’offerta. “Le ragioni principali dell’elevata inflazione sono ancora gli enormi aumenti dei prezzi dei prodotti energetici“: nonostante le misure di sgravio adottate dal governo federale, i prezzi dell’energia in ottobre sono stati del 43 per cento al di sopra del livello dello stesso mese dell’anno scorso.

L’energia domestica in particolare è diventata significativamente più cara: il prezzo del gas naturale è più che raddoppiato (109,8%) e anche il prezzo del teleriscaldamento è salito del 35,6%. La riduzione dell’imposta sulle vendite dal 19 al 7% è stata solo in grado di moderare leggermente questi aumenti. Si dice anche che il riscaldamento con altre fonti di energia sia diventato notevolmente più costoso. I prezzi della legna da ardere, dei pellet di legno o di altri combustibili solidi sono poi aumentati del 108,1%, i prezzi del gasolio da riscaldamento leggero sono stati quasi l’83% più alti rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Anche l’elettricità è diventata più costosa del 26%.

I consumatori hanno anche dovuto scavare più a fondo nelle loro tasche per carburanti come benzina e diesel. L’aumento è stato superiore al 22%. Oltre all’aumento dei prezzi di acquisto internazionali, ha contribuito anche l’aumento della tassa sul CO2 da 25 a 30 euro per tonnellata di inizio anno.

Ma non solo l’energia è diventata drasticamente più costosa. I prezzi elevati dei generi alimentari sono ora particolarmente evidenti per le famiglie private. A ottobre è stato chiesto il 20,3% in più rispetto all’anno precedente. Grassi e oli commestibili (49,7%), latticini e uova (28,9%), verdure (23,1%) e pane e prodotti a base di cereali (19,8%) sono diventati significativamente più costosi.

Molti fattori stanno cambiando la situazione in agricoltura e nell’industria alimentare. I costi di energia, fertilizzanti e mangimi sono aumentati notevolmente. Inoltre, la carenza di manodopera e il salario minimo hanno reso più costosi i costi del personale. Il primo aumento dei prezzi del cibo è iniziato a luglio 2021 ed è continuato mese dopo mese fino ad oggi.

A dimostrazione di quanto il tasso di inflazione complessivo sia influenzato dai costi dell’energia e die beni alimentari lo dimostra il fatto che se non si considerano questi il tasso era solo il 5% in ottobre e quindi nemmeno la metà di quello complessivo. I prezzi dei beni durevoli, compresi mobili e automobili, sono aumentati complessivamente del 6,7 per cento.

La legge sulla compensazione dell’inflazione, approvata ieri dal Bundestag, dovrebbe dare ai consumatori la speranza di essere in grado di sostenere il rapido aumento dei prezzi. Questi includono una modifica dell’aliquota dell’imposta sul reddito, un aumento degli assegni familiari, un pagamento una tantum per il gas e il riscaldamento e altri sgravi.

Fonte: https://www.tagesschau.de/wirtschaft/verbraucher/inflation-verbraucherpreise-oktober-details-101.html

 

CRESCE LA DIPENDENZA DELLE MATERIE PRIME

La Germania deve importare 39 delle 46 materie prime importanti. Uno studio commissionato dal governo avverte di questa crescente dipendenza. Il Ministro dell’Economia Habeck ritiene che la dipendenza dalla Cina sia troppo grande.

Uno studio commissionato dal governo federale avverte che le aziende tedesche stanno diventando sempre più dipendenti dalle materie prime. Se nel 2011 erano ancora individuate 14 materie prime critiche, nel 2020 erano già 30, secondo lo studio della società di consulenza di gestione Ernst & Young (EY), che era stato commissionato dal ministero dell’Economia e che ora è stato pubblicato. Nello studio, 46 ​​materie prime sono classificate come “strategiche” perché di grande importanza per la produzione di beni importanti, soprattutto nel settore dell’alta tecnologia.

La Germania dipende dalle importazioni per 39 di queste materie prime.

Dall’attacco della Russia all’Ucraina, anche i governi occidentali hanno esaminato più da vicino la dipendenza dalla Cina. Il governo federale sta lavorando da mesi a una nuova strategia che mira a cercare di ridurre questa dipendenza con varie misure.

Il cancelliere Olaf Scholz ha sottolineato la scorsa settimana che questo deve includere anche l’uso dei depositi di materie prime nazionali. Altri strumenti includono un fondo di finanziamento statale suggerito da Germania e Francia a livello UE per lo sviluppo di nuovi giacimenti di materie prime in Europa. Anche la Federazione delle industrie tedesche (BDI) lo richiede. “Le materie prime locali fanno parte della soluzione per una maggiore sostenibilità e la riduzione della dipendenza dalle importazioni“, ha affermato Matthias Wachter, capo del dipartimento responsabile delle materie prime presso il BDI.

Il ministro dell’Economia Robert Habeck ha detto all’emittente televisiva Ntv che la dipendenza economica della Germania dalla Cina era troppo grande. In alcune aree, come le materie prime importanti, è quasi del 100 percento. “Se la Cina dovesse scomparire come mercato di vendita, alcune industrie tedesche non sarebbero in grado di farcela“, ha avvertito. Per molto tempo i bassi costi di produzione sono stati considerati “l’unica cosa che fa risparmiare“. Inoltre, la Cina ha immesso sul mercato enormi giacimenti di materie prime a buon mercato.

Habeck contesta il fatto che finora “il 40% del volume totale delle garanzie statali sugli investimenti” è stato speso per investimenti in Cina. Ha annunciato che la garanzia sugli investimenti per azienda e per Paese sarà limitata a tre miliardi di euro. Un’ulteriore protezione statale esiste solo per gli investimenti effettuati dalla rispettiva società in un altro Paese, ha affermato nell’intervista: “In questo modo vogliamo evitare che tutti gli investimenti esteri di una società affluiscano in un unico Paese“.

Fonte: https://www.tagesschau.de/wirtschaft/weltwirtschaft/rohstoffe-abhaengigkeit-studie-deutschland-101.html



Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%