🇩🇪 14/05/2023 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today16 Maggio 2023 204

Europa

share close

Caloroso benvenuto per l’ “Amico Volodymyr”

L’Italia è saldamente dalla parte dell’Ucraina. Ciò è diventato chiaro durante la visita di Zelensky a Roma. Il primo ministro Meloni ha promesso a Kiev ulteriore sostegno. Il presidente ucraino verrà domani a Berlino.

Il simbolismo la dice lunga quando Volodymyr Zelensky arriva da Giorgia Meloni. Una grande bandiera ucraina sventola dal balcone del Palazzo del Governo nel cuore di Roma. Nel cortile interno, il presidente del Consiglio italiano accoglie il presidente ucraino con un caloroso abbraccio e una decisa stretta di mano, circondato da ufficiali militari in abiti a festa. Dopo un incontro di due ore con pranzo insieme, entrambi sottolineano la loro alleanza.

“Il mio amico Volodymyr Zelensky è qui oggi e questo è un segno che l’Ucraina conta su un futuro comune con un’Italia forte”, ha detto Meloni. La Meloni definisce la guerra una brutale e ingiusta aggressione da parte della Russia. Questo atteggiamento non è scontato nella loro coalizione di governo di destra. È composto dal suo stesso partito, Fratelli d’Italia, Forza Italia di Silvio Berlusconi e Lega di Matteo Salvini. Berlusconi e Salvini hanno più volte espresso la loro simpatia per il presidente russo Vladimir Putin.

Ma la Meloni lo ha messo in chiaro fin dall’inizio della guerra in Ucraina e anche prima della sua elezione a primo ministro lo scorso autunno: l’Italia è dalla parte dell’Ucraina. Il suo governo ha continuato le spedizioni di armi iniziate sotto il governo di Mario Draghi prima di esso.

Nel frattempo, l’Italia ha varato sei pacchetti di sostegno militare del valore di circa un miliardo di euro. Dopotutto, si tratta di molto più di un terzo di quanto messo a disposizione finora dal governo federale.

L’Italia si sta inoltre battendo affinché l’Ucraina diventi un candidato all’adesione all’UE. Meloni ha sottolineato: “Continueremo a sostenere l’Ucraina nel miglior modo possibile con questa integrazione nell’UE. E anche aiutare con le riforme necessarie. “Zelensky ringrazia espressamente per questo aiuto a Roma. Nella conferenza stampa congiunta descrive la sofferenza dei suoi cittadini, quella dei tanti bambini rapiti. Parla di una “visita importante per ottenere la vittoria dell’Ucraina”.

Per lui l’Italia è la prima tappa di un viaggio attraverso vari paesi europei. I piani di viaggio sono top secret per motivi di sicurezza. Zelensky è atterrato a Roma solo in mattinata con misure di massima sicurezza: il centro città è pesantemente protetto, con cecchini sui tetti, pattuglie anche sul Tevere e con elicotteri. Secondo i resoconti dei media, sono dispiegate circa 1.500 forze di sicurezza. Speciali controlli vengono effettuati presso aeroporti, stazioni ferroviarie e metropolitane.

Dopo l’atterraggio, accompagnato da aerei da combattimento italiani, Selenskyj è stato portato per la prima volta al Palazzo del Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lo accolse con le parole: “Siamo completamente dalla sua parte, benvenuto signor presidente”.

Dopo aver incontrato la Meloni, Zelensky è stato invitato a un’udienza privata con papa Francesco. Aveva più volte sottolineato di voler cogliere ogni occasione per promuovere la pace. Secondo Francesco, il Vaticano sostiene una missione di pace e vuole mantenere aperto il dialogo con Mosca. Infatti, il capo della Chiesa cattolica potrebbe svolgere uno speciale ruolo di mediazione in eventuali colloqui con il capo della Chiesa russa Cirillo.

In serata, Zelensky dovrebbe anche partecipare a un talk show prima di proseguire per la Germania. Domenica gli sarà conferito lì – a nome del popolo ucraino – il Premio Carlo Magno.

https://www.tagesschau.de/ausland/ukraine-selenskyj-italien-102.html

 

Nuovo pacchetto di armi multimiliardario per l’Ucraina

Apparentemente imminente un’altra offensiva dell’Ucraina contro gli occupanti russi. Kiev sottolinea quanto sia importante un ulteriore sostegno militare per questo. La Germania sta ora inviando di nuovo attrezzature per un valore di miliardi.

Secondo un resoconto dei media, il governo federale ha messo insieme un altro pacchetto di armi per sostenere l’Ucraina. Come riporta lo “Spiegel”, i dipartimenti coinvolti e la cancelleria hanno concordato in trattative riservate nei giorni scorsi che l’Ucraina dovrebbe ricevere ulteriori armi per un valore di circa 2,7 miliardi di euro dalla Germania nelle prossime settimane e mesi.

Secondo il rapporto, l’elenco comprende altri 20 veicoli da combattimento di fanteria Marder, 30 carri armati Leopard 1, 15 carri armati antiaerei Gepard, 200 droni da ricognizione, quattro sistemi antiaerei Iris-T aggiuntivi tra cui munizioni, munizioni di artiglieria aggiuntive e più di 200 veicoli corazzati da combattimento e veicoli logistici da combattimento.

Si tratta quindi del più grande pacchetto di armi che la Germania ha fornito per rafforzare le forze armate ucraine dall’inizio della guerra nel febbraio 2022. Secondo il rapporto, dovrebbe essere annunciato come simbolo della solidarietà tedesca con l’Ucraina parallelamente alla consegna del Premio Carlo Magno di Aquisgrana al presidente ucraino Volodymyr Zelensky domenica. Selenskyj potrebbe venire di persona in Germania per la cerimonia di premiazione.

Secondo il rapporto “Spiegel”, il governo federale si sta concentrando ancora una volta sul rafforzamento del sistema di difesa aerea dell’Ucraina con la nuova consegna di armi. Il governo federale ha quindi in programma di vendere altri quattro sistemi di difesa aerea Iris-T-SLM e dodici lanciatori Iris-T-SLS con centinaia di missili guidati per il sistema.

Il vice capogruppo del gruppo parlamentare CDU/CSU, Johann Wadephul, sostiene che l’Ucraina possa usare armi tedesche contro obiettivi in ​​territorio russo. “Né secondo il diritto internazionale né politicamente c’è alcun motivo per cui l’Ucraina non dovrebbe essere autorizzata ad attaccare obiettivi in ​​Russia”, ha detto l’esperto di politica estera al quotidiano berlinese Tagesspiegel.

Qualche tempo fa, il cancelliere Olaf Scholz ha discusso un consenso con Zelenskyj sul fatto che le armi tedesche non sarebbero state utilizzate per attacchi sul territorio russo. Wadephul ha ribattuto: “Perché un paese attaccato dovrebbe limitarsi a difendersi solo sul proprio territorio?”

Naturalmente, l’Ucraina deve mantenere la proporzionalità. Ma Wadephul lo vede come un dato di fatto: “A differenza della Russia, l’Ucraina si limita ad attacchi a impianti industriali, depositi di carri armati, infrastrutture di trasporto e militari. Non bombarda complessi residenziali, ospedali o asili, a differenza della Russia”.

https://www.tagesschau.de/inland/deutschland-ukraine-waffen-100.html



Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%