share close

I ministri degli esteri baltici si appellano a Scholz

I Ministri degli Esteri dei Paesi baltici hanno chiesto alla Germania di consegnare all’Ucraina i carri armati “Leopard 2“.

Ciò è necessario per fermare l’aggressione russa, aiutare l’Ucraina e riportare rapidamente la pace in Europa“, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics.

Alle proprie dichiarazioni anche a nome dei suoi omologhi estoni e lituani. “In qualità di potenza europea leader, la Germania ha una responsabilità speciale in questo senso“.

Più di recente, i politici della coalizione e dell’opposizione avevano espresso disappunto per la riluttanza della Germania. La presidente del Comitato di Difesa, Marie-Agnes Strack-Zimmermann (FDP), ha dichiarato sul giornale ZDF-heute: “Almeno un segnale sarebbe stato giusto per dare il via libera ai partner“.

Con ciò intendeva il desiderio di paesi come la Polonia di consegnare i propri carri armati “Leopard 2” di fabbricazione tedesca all’Ucraina. Tuttavia, hanno bisogno di un permesso da Berlino per questo. “La storia ci sta guardando, e purtroppo la Germania ha appena fallito“.

Delusa anche la vicepresidente del Bundestag Katrin Göring-Eckardt, dei Verdi del gruppo mediatico Funke: “Questi sono urgentemente necessari in Ucraina. L’Ucraina non solo difende il proprio paese, ma anche la nostra libertà“.

Lo sfondo è una riunione degli alleati per una conferenza ucraina a Ramstein ieri, in cui sono stati concordati ulteriori miliardi di aiuti per il Paese attaccato dalla Russia, ma non la consegna di carri armati “Leopard 2”.

Il ministro Oleksii Resnikov ha recentemente annunciato che i soldati ucraini dovrebbero presto iniziare il loro addestramento sui carri armati in Polonia.

https://www.tagesschau.de/inland/reaktionen-leopard-panzer-103.html

Perché il “Leopard 2” è così richiesto

Finora, l’Ucraina si è affidata principalmente ai carri armati T-72 dell’era sovietica. Ne hanno anche catturati alcuni dalle truppe russe. Il governo di Kiev chiede consegne internazionali di carri armati – e dalla Germania in particolare, carri armati del tipo “Leopard 2”. Il modello è tecnicamente superiore ai carri armati russi.

Gli ucraini vogliono utilizzare i carri armati “Leopard 2” per sfondare le linee nemiche in quella che è stata recentemente una guerra di trincea piuttosto statica.

L’Ucraina dipende quasi completamente dalle forniture di armi occidentali. Oltre alle armi leggere e alle munizioni, il governo federale ha già consegnato pesanti sistemi antiaerei e il carro armato antiaereo “Gepard”.

Sulla questione della consegna dei carri armati “Leopard 2”, il governo federale non ha ancora preso una decisione definitiva e ha recentemente fatto riferimento alla mancanza di un accordo internazionale sulla questione delle consegne dei carri armati.

Pesa ben 60 tonnellate, è lungo una decina di metri ed è considerato uno dei migliori e più moderni carri armati al mondo: l’attuale versione del carro armato principale è il “Leopard 2 A7”. È stato consegnato dal 2014. L’appaltatore tedesco della difesa Krauss-Maffei Wegmann ha costruito più di 3.500 carri armati Leopard 2 dall’inizio della produzione nel 1978.

La sua arma principale è un cannone a canna liscia da 120 mm. Ciò consente di colpire bersagli a una distanza di diverse migliaia di metri, in piedi o in movimento. La sua distanza massima di combattimento è quindi di 5000 metri. I vantaggi del “Leopardo” risiedono nella combinazione di potenza di fuoco, protezione dell’armatura e mobilità. È veloce fino a 70 km/h. Il “Leopard 2” funziona con un motore relativamente più economico che brucia diesel. Oltre alla Germania, almeno altre 14 nazioni lo utilizzano in varie versioni adattate.

Il “Leopard” è un veicolo molto ben bilanciato i cui sistemi sono affidabili e veloci da mantenere e riparare. “Ciò che distingue i principali carri armati della generazione attuale come il ‘Leopard 2’, l’americano ‘Abrams’ e il francese ‘Leclerc’ dai carri armati precedenti è che possono sparare e colpire a tutta velocità – per diversi chilometri, anche in retromarcia”, ha spiegato Rath. “I modelli sovietici o russi, come il ‘T-90’, non possono farlo a questa velocità”.

La Germania gioca un ruolo chiave nel dibattito sul “Leopard”, e non solo quando si tratta dei suoi principali carri armati. Il “Leopard” è stato sviluppato in Germania e, di norma, il trasferimento di armamenti di fabbricazione tedesca a terzi deve essere approvato. Secondo il Ministero Federale dell’Economia, sono richiesti i permessi di riesportazione. I requisiti per questo sono regolati nella legge sul controllo delle armi da guerra e nella legge sul commercio estero. La Germania può consegnare carri armati “Leopard”?

Questo è discutibile. La società di armamenti Rheinmetall ha recentemente sottolineato che ci vorrebbe circa un anno per riparare i vecchi carri armati “Leopard 2”. Il capo di Rheinmetall Armin Papperger ha recentemente dichiarato che l’industria degli armamenti potrebbe consegnare più velocemente.

La Germania dovrebbe accedere alle scorte del suo esercito. Quanti carri armati ci sono non è chiaro. Per motivi di sicurezza militare, non vogliono dare informazioni più precise su forze, equipaggiamenti di associazioni o unità.

Il giorno dopo aver prestato giuramento, il nuovo ministro della Difesa federale, Boris Pistorius, ha annunciato di aver commissionato un’ispezione dell’inventario dei carri armati Leopard 2 nella Bundeswehr e nell’industria.

Ci sono problemi legali?

Come per altre consegne di armi, la Germania non dovrebbe entrare in guerra dal punto di vista del diritto internazionale con la consegna di carri armati.

Il ministro federale della giustizia Marco Buschmann è d’accordo: “L’Ucraina ha ragione perché sta conducendo una guerra di autodifesa. Secondo il diritto internazionale, la Germania è autorizzata a consegnare armi all’Ucraina. Questo non ci rende parte della guerra. Non importa quale sia la qualità delle armi“, ha detto Buschmann.

Indipendentemente dalle consegne di armi, gli alleati occidentali dell’Ucraina sottolineano sempre di non essere loro stessi parte in guerra.

https://www.tagesschau.de/inland/innenpolitik/leopard-kampfpanzer-ukraine-103.html

Un bancomat esplode ogni giorno

Statisticamente, almeno un bancomat viene fatto saltare in aria ogni giorno in Germania. Cosa c’è dietro e come reagiscono le banche?

Alcuni esempi degli ultimi giorni: i criminali hanno fatto saltare in aria un bancomat nel distretto di Kusel in Renania-Palatinato, così come ad Aschaffenburg in Baviera. Nel fine settimana, questo è accaduto due volte nell’arco di 24 ore nell’Heidekreis in Bassa Sassonia. Alla fine della scorsa settimana, ad esempio, sono esplosi i bancomat a Rottenburg, Dortmund e Wetzlar.

Le esplosioni si accumulano da diversi mesi. Un quadro esatto della situazione per il 2022 non è ancora disponibile. Ma è già chiaro che l’anno scorso sono stati fatti saltare in aria più bancomat che mai, secondo l’Ufficio federale di polizia criminale: “In alcuni casi, fino a cinque bancomat sono stati fatti saltare in aria in una notte in tutta la Germania“.

Finora, il 2020 è stato un anno record, con un totale di 414 macchine fatte saltare in aria. Nel 2021 il numero di attacchi è leggermente diminuito, ora sta salendo a un nuovo massimo. Perché?

C’è uno spostamento in Germania“, spiega Bastian Kipping, ispettore capo presso l’Ufficio di polizia criminale di stato della Renania-Palatinato. Molti sospetti provengono dai Paesi Bassi e anche dalla Francia. Negli ultimi anni, entrambi i paesi hanno aggiornato i propri sportelli automatici con “tecnologia adesiva e sistemi di colorazione”: il denaro rubato viene reso inutilizzabile con la colla o con la vernice. Queste misure non sono ancora diffuse in Germania. “Gli autori lo sfruttano senza pietà“, afferma Kipping.

Un punto focale per gli autori dei paesi vicini è quindi – a causa della vicinanza del confine – nella Germania occidentale. Solo nella Renania Settentrionale-Vestfalia, secondo l’Ufficio di Polizia Criminale di Stato, l’anno scorso ci sono stati più di 180 attacchi contro bancomat con esplosivi, circa 30 in più rispetto all’anno precedente. In Renania-Palatinato il numero di demolizioni di sportelli automatici è più che raddoppiato: 56 nel 2022, rispetto alle 23 dell’anno precedente.

Un fattore importante qui è la quantità di denaro circolante in Germania. “I tedeschi amano i loro soldi“, dice Kipping. “Nei Paesi Bassi, i pagamenti con carta sono molto più comuni.” Naturalmente, ci sono anche punti deboli che i criminali sfruttano.

Ma il denaro rende la Germania un obiettivo utile per i criminali. Ciò è dovuto esclusivamente al fatto che il numero di bancomat in Germania è molto elevato, superando i 55.000. Ultimo ma non meno importante, le macchine tedesche sono solitamente piene di più contanti rispetto ai paesi vicini.

Tre o quattro anni fa il gas veniva utilizzato quasi esclusivamente per le esplosioni“, afferma Kipping. Di conseguenza, molte banche hanno aggiornato e installato dispositivi nelle loro macchine in grado di neutralizzare il gas. Ma non serve a nulla contro gli esplosivi solidi che vengono ora utilizzati. Le banche vogliono quindi affidarsi sempre più alla videosorveglianza e agli allarmi antintrusione, oltre che alla vernice e colla negli sportelli automatici.

Nel novembre 2022, in un incontro con il ministero federale dell’Interno, le banche tedesche avevano concordato una maggiore prevenzione. Il ministero ha osservato lo sviluppo delle esplosioni con “grande preoccupazione”, ha detto all’epoca. “Il problema è: abbiamo semplicemente troppe macchine da convertire con breve preavviso“, afferma Kipping, portavoce di LKA.

Sempre più banche stanno quindi smantellando i bancomat. Altri chiudono le loro filiali durante la notte. Dall’inizio dell’anno, questo è stato il caso delle 23 filiali della Sparkasse Mecklenburg-Schwerin, ma anche in alcune altre regioni della Germania.

https://www.tagesschau.de/inland/gesellschaft/geldautomaten-sprengung-101.html

 

 



Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%