🇩🇪 23/04/2023 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today23 Aprile 2023 156 1 2

Europa

share close

“I bambini hanno fatto i sacrifici maggiori”

Più del 70 per cento dei bambini e dei giovani soffre dei postumi delle misure Corona: questa è la conclusione raggiunta da un gruppo di lavoro di diversi ministeri, il cui rapporto era ora un argomento al Bundestag.

Il ministro federale della sanità Karl Lauterbach ha affermato in Parlamento che molti bambini e giovani soffrono di disturbi mentali. La loro salute è peggiorata. Il politico dell’SPD ancora una volta ha descritto la chiusura delle scuole e altre misure del coronavirus come “a volte troppo rigide”. “Di tutti coloro che hanno fatto sacrifici nella pandemia, i bambini hanno fatto i sacrifici maggiori”, ha detto Lauterbach. Avrebbero “sofferto delle misure”.

Il rapporto afferma che tutta la vita pubblica si è praticamente arrestata. Incontrare amici e familiari al di fuori della propria famiglia, giocare all’aperto, passare del tempo con i propri coetanei: tutto questo era possibile solo in misura molto limitata da un giorno all’altro.

Il ministro federale della famiglia Lisa Paus ha sottolineato che la pandemia per i bambini e i giovani non è finita. Nel dibattito, il politico dei Verdi ha affermato che oltre il 70% di loro si sentiva ancora mentalmente stressato e che altre crisi come la guerra in Ucraina e la crisi climatica stavano mettendo a dura prova i giovani.

https://www.tagesschau.de/inland/gesellschaft/corona-kinder-bundestag-101.html

Mosca accusa Berlino di espulsione di diplomatici

I diplomatici russi hanno lasciato Berlino, mentre Mosca per reazione ha espulso più di venti diplomatici tedeschi. Secondo il ministero degli Esteri di Mosca, la Germania ha deciso l’espulsione “di massa” dei diplomatici russi. La portavoce del ministero Maria Zakharova ha detto a Mosca che si tratta di nuove “azioni ostili” della Germania contro la Russia. Un aereo del governo russo con un permesso speciale è atterrato sabato a Berlino e poi è tornato in Russia. Né da Mosca né da Berlino c’era alcuna conferma che i diplomatici russi fossero a bordo dell’aereo.

Non era chiaro quanti russi la Germania avesse espulso o quanti avessero lasciato il paese. Il ministero degli Esteri federale di Berlino ha confermato inizialmente solo che il governo federale aveva tenuto colloqui con la Russia nelle scorse settimane sulla presenza presso le rispettive missioni estere “con l’obiettivo di ridurre la presenza dell’intelligence russa in Germania”. Ha continuato dicendo: “La partenza di oggi del personale dell’ambasciata russa è legata a questo”. Il Ministero degli Esteri non ha fornito alcuna informazione sulla questione se si trattasse di un’espulsione, anche quando richiesto.

A Mosca, la portavoce del ministero Zakharova ha detto alla televisione militare di stato Zvezda che più di 20 diplomatici tedeschi sono stati espulsi, senza fornire un numero esatto. Ma in precedenza aveva annunciato che Mosca avrebbe reagito allo stesso modo alla “espulsione di massa” dei diplomatici russi dalla Germania. Aveva detto che la Germania aveva deciso di fare prima il passo “ostile”.

La Zakharova ha accusato la parte tedesca di aver preventivamente passato ai media l’espulsione dei diplomatici, nonostante ci fossero state assicurazioni che la questione sarebbe stata trattata con discrezione. “Condanniamo fermamente questa azione di Berlino, che continua a distruggere in modo dimostrativo l’intera gamma delle relazioni russo-tedesche, compresa la loro dimensione diplomatica”, si legge nella dichiarazione del ministero degli Esteri.

Ci sarà un “limite significativo al numero massimo di dipendenti nelle missioni diplomatiche tedesche” in Russia, ha affermato Zakharova.

Nel corso delle loro gravi tensioni in passato, Germania e Russia si sono ripetutamente espulse diplomatiche l’una dall’altra. Le rappresentanze sono già state fortemente sfoltite, i servizi per i cittadini tedeschi sono notevolmente ridotti o sono associati a tempi di attesa più lunghi, ad esempio per il rilascio dei documenti. La situazione è notevolmente peggiorata con l’inizio della guerra russa contro l’Ucraina.

Nell’aprile dello scorso anno, la Russia ha dichiarato “persone indesiderabili” 40 diplomatici tedeschi, ordinandone l’espulsione. A quel tempo, più di 100 tedeschi furono colpiti perché anche i membri della famiglia dovettero lasciare il paese. Un anno fa, quella cifra da sola rappresentava circa un terzo del corpo diplomatico tedesco in Russia. Questa, a sua volta, è stata una reazione all’espulsione di 40 diplomatici russi all’inizio di aprile 2022, che, secondo Berlino, avrebbero agito come spie in Germania. Dall’inizio della guerra di aggressione russa, l’UE e la Russia hanno espulso ciascuna centinaia di diplomatici.

Dopo che l’UE ha chiuso gli aeroporti e lo spazio aereo dell’UE a tutte le compagnie aeree russe nel febbraio 2022, gli aerei russi sono rari. Anche la Russia ha chiuso il suo spazio aereo ai voli dall’UE. Sono possibili eccezioni con permessi speciali.

https://www.stern.de/politik/ausland/diplomatie–moskau-wirft-berlin-ausweisung-von-diplomaten-vor–33399976.html

Il limite di velocità potrebbe giovare all’economia

Secondo un nuovo studio, un limite di velocità di 130 chilometri all’ora in Germania non gioverebbe solo alla protezione del clima, ma avrebbe anche notevoli vantaggi economici. Un gruppo di ricerca internazionale ha determinato i cosiddetti guadagni assistenziali di almeno 950 milioni di euro all’anno.

Oltre all’effetto di protezione del clima e ai relativi risparmi, sarebbero particolarmente importanti, secondo lo studio pubblicato oggi sulla rivista “Ecological Economics”, il risparmio di carburante, meno incidenti, minori costi della catena di approvvigionamento e risparmi nelle infrastrutture.

I ricercatori vedono non solo effetti positivi sul clima, ma anche sulla società nel suo complesso. L’introduzione di un limite di velocità sulle autostrade tedesche comporterebbe un guadagno di welfare di circa 660 milioni di euro annui, anche senza tener conto della riduzione delle emissioni di CO2.

Anche se i conducenti interessati perderebbero tempo a causa della velocità ridotta, questo è quasi completamente compensato dal risparmio di carburante e dai minori costi degli incidenti. Secondo i calcoli, gli studi esistenti mostrano che velocità più elevate sono generalmente associate a un aumento degli incidenti.

Dal punto di vista di Udo Becker, esperto dell’Istituto per la pianificazione del traffico e la circolazione stradale della TU Dresden, i risultati dello studio mostrano che un limite di velocità è economicamente molto vantaggioso. Di conseguenza, i conducenti risparmierebbero carburante per un valore di 766 milioni di euro all’anno. Tutti gli effetti principali sono stati inclusi nello studio. “Al fine di ridurre i problemi climatici, nonché i problemi di utilizzo del suolo, gas di scarico e rumore del traffico, un limite di velocità sulle autostrade federali è un approccio economicamente ragionevole”, ha affermato Becker.

Secondo gli autori dello studio, la Germania è ancora l’unico grande paese al mondo in cui non esiste un limite generale di velocità sulle autostrade. Soprattutto in tempi di alta inflazione e risparmi necessari, ha senso un limite di velocità di 130. Ciò è sostenuto non solo dalla polizia ma anche dalla maggioranza dei tedeschi.

Secondo le informazioni, gli esperti di Germania, Svezia e Canada si sono basati su dati pubblicamente disponibili. Con l’aiuto di un’analisi costi-benefici, hanno determinato gli effetti di un limite di velocità su tempi di viaggio, consumo di carburante e sovvenzioni, catene di approvvigionamento, espansione e manutenzione delle infrastrutture, nonché uso del suolo, emissioni di inquinanti atmosferici e gas serra .

https://www.tagesschau.de/wirtschaft/tempolimit-wohlfahrtsgewinne-101.html

 




Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%