🇩🇪 30/10/2022 – ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA 🇩🇪

today31 Ottobre 2022 641 2 5

Europa

share close

L’UNIONE MINACCIA DI BLOCCARE LA LEGGE SUL REDDITO DI CITTADINANZA

 L’inizio del reddito di cittadinanza, previsto per il 1° gennaio 2023, potrebbe slittare: L’Unione minaccia il blocco al Consiglio dei Ministri Federale, la CDU minaccia di bloccare la legge per l’introduzione del reddito di cittadinanza, che richiede l’approvazione, nel Consiglio dei Ministri. Il segretario generale della CDU Mario Czaja ha detto al “Tagesspiegel” che loro non approveranno i piani nella loro forma attuale. “Presumo che dovremo parlarne in commissione di mediazione”. disse Czaja.

Czaja ha criticato il piano per introdurre alti livelli di sicurezza sociale: “Una famiglia di quattro persone con un patrimonio già di 150.000 euro dovrebbe ancora avere diritto all’assistenza sociale, mentre un’altra giovane famiglia lavora sodo e paga le tasse per finanziare l’assistenza sociale”. Questo è profondamente antisociale e viola tutti i principi di un’economia sociale di mercato. Crea anche gli incentivi sbagliati. Nel suo discorso alla conferenza del partito ad Augusta, il leader del partito della CDU Friedrich Merz ha sostenuto l’aumento delle tariffe standard, ma ha criticato aspramente gli altri piani. Come risultato della riforma, l’occupazione regolare “non avrà alcun senso” per molte persone. Dopo le consultazioni di venerdì, il Consiglio federale ha chiesto al governo di apportare miglioramenti. Il Bundestag vuole affrontare la legge il 10 novembre in seconda e terza lettura. Dopodiché, tocca di nuovo al Consiglio federale: se si rendesse necessario un comitato di mediazione, la riforma non potrebbe entrare in vigore come previsto a cavallo dell’anno, riferisce il “Tagesspiegel”, perché poi ai centri per l’impiego mancherebbe il tempo per prepararsi.

Il reddito di cittadinanza arriva “al momento sbagliato”, poiché i centri per l’impiego sono già “nel mezzo della gestione della crisi” a causa dei profughi dall’Ucraina. È necessario un tempo sufficiente per la preparazione Secondo un rapporto di “Spiegel”, anche la rappresentanza del personale del centro per l’impiego mettono in guardia contro un forte sovraccarico dei dipendenti in vista dell’introduzione del reddito di cittadinanza e dei previsti tagli di bilancio.

Secondo i piani della coalizione di governo, il reddito di base dovrebbe sostituire il precedente sistema Hartz IV a cavallo dell’anno. La maggioranza vuole tariffe standard più elevate, meno sanzioni e risorse protettive significativamente più elevate. La coalizione vede la prevista indennità di cittadinanza come un passo verso una maggiore giustizia e una riforma del mercato del lavoro. Dovrebbe “proteggere in modo affidabile le persone che hanno bisogno esistenziale”, ha sottolineato il ministro federale del lavoro Hubertus Heil durante la prima lettura del disegno di legge al Bundestag. Con i soldi si rinnoverà la “promessa di tutela del nostro welfare state”, secondo il politico dell’Spd. Allo stesso tempo, Heil ha sottolineato che questo aiuto di Stato non corrisponde a un reddito di base incondizionato. Il reddito di cittadinanza è anche legato a “obblighi molto, molto ostinati”: anche il ministro federale delle finanze Christian Lindner ha difeso il reddito di cittadinanza dalle critiche. Nel rapporto di Berlino, il politico dell’FDP ha sottolineato che coloro che cercano di qualificarsi sarebbero stati premiati. Le persone potrebbero anche guadagnare più di prima oltre al reddito di cittadinanza. Restano gli obblighi di collaborazione. Questa è una “riforma estremamente buona” secondo Lindner.

Fonte: https://www.tagesschau.de/inland/innenpolitik/buergergeld-bundesrat-101.html

Il presidente dell’Associazione degli Imprenditori vede il sistema pensionistico sull’orlo del collasso

Il modo in cui funziona oggi la nostro sistema pensionistico, non funzionerebbe più nei prossimi cinque anni, “i costi esploderanno”, afferma il presidente Rainer Dulger, presidente dell’Associazione degli Imprenditori. Particolarmente urgente è una “riorganizzazione della previdenza per la vecchiaia”.

Avverte di un crollo del sistema pensionistico e critica il previsto assegno di cittadinanza. Abbiamo bisogno di una “grande riforma sociale” che abbia le dimensioni delle riforme economiche e sociali assunte dopo la riunificazione, ha detto Dulger al “Bild am Sonntag”.

Particolarmente urgente è la necessità di una “riorganizzazione della previdenza per la vecchiaia”, . “Il finanziamento del nostro sistema pensionistico sta per crollare.” In particolare, Dulger propone di collegare l’età pensionabile all’aspettativa di vita. “Non deve essere che la crescente aspettativa di vita porti a un pensionamento sempre più lungo”.

Per chiarire l’importanza dell’argomento, “la politica sociale ha bisogno di previsioni proprio come la politica climatica”, ha proseguito Dulger.

Fonte: https://www.welt.de/wirtschaft/article241868421/Rainer-Dulger-Arbeitgeberpraesident-sieht-Rentensystem-vor-Zusammenbruch.html

 

Il Console Generale tedesco negli USA onora i neonazisti Azov ucraini

Nel settembre 2022, una delegazione di combattenti ucraini “Azov” ha girato gli Stati Uniti. Gli ultranazionalisti sono stati ricevuti da oltre 50 membri del Congresso e dall’ex ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca Michael McFaul.

Anche il console generale tedesco ha reso omaggio ai fascisti a Chicago. Una mezza dozzina di rappresentanti del movimento ucraino “Azov” a guida neonazista ha visitato gli Stati Uniti a settembre. Lo riporta Moss Robeson, giornalista e blogger indipendente che lavora attraverso la rete internazionale di sostenitori di OUN‑B (l’ala Bandera dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini) e la loro lobby negli Stati Uniti. Il popolo “Azov” è stato ricevuto dai legislatori a Washington il mese scorso e ha cercato un contatto con la comunità ucraina negli Stati Uniti. Tre di questi rappresentanti “Azov” erano tra le unità che si erano rintanate per settimane nello stabilimento assediato “Azov Steel” a Mariupol. La delegazione nazionalista-fascista ucraina comprende anche Georgi Kuparashvili. È co-fondatore del reggimento “Azov” e capo della scuola militare Yevgeny Konovalets di Kiev, dal nome del fondatore dell'”Organizzazione dei nazionalisti ucraini” fascista. È notevole la rapidità con cui si sono formati i gruppi di interesse degli “ex” combattenti “Azov”.

Fonte: https://unser-mitteleuropa.com/deutscher-generalkonsul-in-den-usa-ehrt-ukrainische-asow-neonazis/

 

APARTHEID DEI NON VACCINATI: PEDIATRA TRATTA SOLO BAMBINI E NEONATI VACCINATI

La rivista “Unser Mitteleuropa” riporta oggi: “Lo studio di un pediatra nel comune di Wedel, che conta quasi 34.000 abitanti, mostra in modo spaventoso fino a che punto sia progredita la follia vaccinale, guidata anche dal ministro federale della Salute Karl Lauterbach.

Lo studio pediatrico nella città di Wedel nello Schleswig-Holstein, a ovest di Amburgo, sta ora mostrando una nuova dimensione dell’obbedienza “medico-politica”. Tuttavia, resta da aspettarsi quantI studi medici seguiranno questo “esempio inglorioso”.

È particolarmente spaventoso che si tratti di uno studio di un pediatra che rifiuta anche le cure ai bambini (a partire dai 6 mesi) se non vaccinati.

In allegato il testo informativo per i pazienti reperibile sul sito web dello studio pediatrico Wedel alla voce “notizie attuali”:

 

Cari bambini, cari giovani, cari genitori,
Dal 1 ottobre, ci allineiamo nel nostro studio per prenderci maggiormente cura di voi e della vostra salute.
Riteniamo che le vaccinazioni siano utili per prevenire molte gravi malattie che possono causare danni permanenti alla salute.
Tutti noi forniamo consulenza in conformità alle raccomandazioni fondate su base scientifica di STIK0(Commissione permanente per le vaccinazioni con sede presso il Robert-Koch-Institut).

In futuro, le vaccinazioni dei bambini, a partire dal 6° mese di vita, saranno il requisito necessario per le cure nel nostro studio e per il supporto medico dei bambini e dei giovani. Vengono utilizzati solo i vaccini approvati per la rispettiva applicazione (immunizzazione primaria o richiamo).

Offriamo vaccinazioni di recupero per tutti i bambini che non sono stati vaccinati in base alla loro età.
I certificati di vaccinazione vengono rilasciati solo dopo due vaccinazioni contro il morbillo. Non emettiamo certificati per l’esenzione della mascherina.

 

Alla luce della precedente affermazione, l’ultima frase sembra pura presa in giro. Il motivo della regolamentazione della pratica pediatrica è probabilmente il fatto che l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato le “vaccinazioni” corona con le sostanze di Biontech e Moderna per bambini nell’infanzia e nei bambini piccoli il 19 ottobre.

Il fatto che le perfide attività della mafia vaccinale contro il Corona abbiano raggiunto un nuovo disgustoso culmine è dimostrato da questi punti pratici: Finora le critiche ai dittatori vaccinali sono state contrastate più e più volte: nessun padre o madre è costretto a vaccinare suo figlio .

È ovvio che esiste anche un modo perfido di vaccinazione forzata attraverso le porte di servizio. Anche qui si tratta di quella argomentazione sgradevole che da anni viene usata in connessione con la progressiva abolizione della libertà di espressione: “Puoi dire quello che pensi, ma devi sopportarne le conseguenze”. ora si sono rivelati.

Fonte: https://philosophia-perennis.com/2022/10/26/impf-apartheidssystem-kinderarztpraxis-behandelt-nur-noch-geimpfte-kinder-und-saeuglinge/

 

🐾 Seguici sul canale Telegram BECCIOLINI NETWORK t.me/canaleFAHRENHEIT912
🟢 Sostieni il nostro lavoro con una donazione: www.becciolininetwork.com/sostienici

 

Servizio a cura di Milena Patuzzi
Video prodotto da Becciolini Network e Rete Informazione Europea
Per la sigla si ringrazia OneFanimations
Music by Skilsel from Pixabay




Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

0%