Comunicazione

NOTIZIARIO DALLA GERMANIA DEL 4 FEBBRAIO 2024

today4 Febbraio 2024 93 1

Sfondo
share close

Nessun accesso per AfD, BSW e Unione dei Valori
La Conferenza sulla sicurezza di Monaco inizierà tra poco meno di due settimane. Ma come l’anno scorso, il leader della conferenza Christoph Heusgen non vuole che tutti i partiti rappresentati nel Bundestag possano partecipare all’incontro internazionale. Heusgen ha assunto la presidenza della conferenza sulla sicurezza nel 2022 e ha utilizzato questa pratica per la prima volta l’anno scorso, con l’esclusione dell’AfD. “Allora dissi che non volevo stendere il tappeto rosso per una destra. partito estremista”, ha detto Heusgen in un’intervista all’agenzia di stampa dpa. “C’è stato un po’ di storcimento del naso. Ma credo che la mia decisione dell’anno scorso sia stata quella giusta, soprattutto dopo le recenti rivelazioni. Pertanto non inviterò l’AfD nemmeno quest’anno.” Heusgen si riferiva a un incontro tra estremisti di destra e politici a Potsdam, al quale hanno preso parte anche singoli politici di AfD e CDU, nonché membri dell’Unione dei Valori.
Oltre all’AfD, dalla conferenza sulla sicurezza è stata esclusa anche l’Unione dei Valori. A gennaio i membri dell’associazione hanno votato per fondare un partito con lo stesso nome. Secondo il presidente dell’associazione ed ex presidente dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, Hans-Georg Maaßen, ciò dovrebbe avvenire prima delle elezioni regionali in tre Länder tedeschi in autunno. L’associazione Unione die Valori è stata fondata nel 2017. Si considerava un punto di incontro per i membri della CDU e della CSU che trovavano la linea di condotta dell’allora leader della CDU Angela Merkel non abbastanza conservatrice.
E anche la neonata Alleanza Sahra Wagenknecht (BSW) non dovrebbe essere invitata alla conferenza sulla sicurezza, ha continuato von Heußgen. Egli ha giustificato ciò affermando che i membri del BSW rappresentati al Bundestag non sono stati eletti in Parlamento come rappresentanti di questo partito, ma del partito della Sinistra. Per quanto riguarda sia la BSW che l’Unione dei Valori, vuole “prima vedere come continuano le cose”.
Secondo Heusgen non solo i partiti ma anche i governi dovrebbero essere esclusi dall’incontro al Bayerischer Hof di Monaco. Ciò colpisce, come l’anno scorso, i governi russo e iraniano: Heusgen ha giustificato l’esclusione della Russia dalla Dpa con la guerra di aggressione contro l’Ucraina e con la mancanza di volontà di negoziare da parte del presidente russo Vladimir Putin e del suo governo. “Ed è per questo che abbiamo detto di nostra iniziativa, non stiamo invitando il governo russo, ma stiamo invitando i russi delle organizzazioni non governative, i politici in esilio”, ha annunciato Heusgen. “Quando si tratta dell’Iran, stiamo ascoltando da parte del governo federale e anche da parte degli americani, che non c’è alcun interesse ai colloqui”, ha affermato il capo della conferenza sulla sicurezza, giustificando l’esclusione del governo da Teheran. Per questo motivo ai colloqui di Monaco dovrebbero partecipare anche rappresentanti delle organizzazioni non governative iraniane.
Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di quest’anno sono attesi circa 50 capi di Stato e di governo e circa 100 ministri. Si svolge dal 16 al 18 febbraio. Per molto tempo è stata una pratica comune invitare alla conferenza i politici di tutti i partiti rappresentati nel Bundestag.

https://www.tagesschau.de/inland/innenpolitik/muenchner-sicherheitskonferenz-afd-bsw-werteunion-100.html

Alleanza Democratica per la Diversità e il Risveglio DAVA
Un gruppo di politici di origine turca vuole candidarsi alle elezioni europee in Germania con un nuovo partito. Quanta influenza ha il presidente turco Erdogan nel DAVA?
Da quando il presidente della nuova Alleanza Democratica per la Diversità e il Risveglio, in breve DAVA, ha pubblicato una dichiarazione fondativa su Facebook il 16 gennaio, si è scatenata una grandinata di critiche. Molti vedono il DAVA come un ramo del partito al governo turco AKP, il partito del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Una delle figure di spicco del DAVA, membro fondatore e numero tre nella lista del partito, Mustafa Yoldas, rifiuta rigorosamente qualsiasi vicinanza a Erdogan: “Non siamo controllati da Erdogan, non siamo finanziati da lui. Non siamo il braccio esteso dell’AKP in Turchia”, ha detto Yoldas alla WDR. Ma ci sono sicuramente molte persone nel DAVA che hanno simpatie per l’AKP e Erdogan.
Solo simpatia? Fatih Zingal è al primo posto nella lista della neonata DAVA. Per anni è stato funzionario di un’associazione che promuoveva la politica di Erdogan in Germania e trasportava masse in autobus alle urne: sui social network sono numerosi i video in cui Zingal sostiene Erdogan. In un video del 2017, ad esempio, invita la folla durante una riunione a sostenere Erdogan come presidente.
Lo stesso Yoldas è stato per anni funzionario della comunità Milli Görüs, un’organizzazione dell’Islam politico di cui fa parte anche Erdogan.
Il Ministero federale degli Interni sembra essere allarmato. Per iscritto si legge: “Qualsiasi tentativo di influenzare le elezioni in Germania dall’esterno non sarà tollerato.” Un timore che hanno anche gli esperti. Erdogan è interessato a influenzare i migranti musulmani in Germania, afferma Hüseyin Cicek, politologo ed esperto di Erdogan presso l’Università di Bonn.
Si tratta di “dipingere in generale i musulmani qui in Germania come una minoranza a rischio, che è stata dimenticata dal sistema tedesco e di cui non viene presa in considerazione dai politici tedeschi”. Questo è il “populismo classico”, ha detto Cicek.
Mustafa Yoldas del DAVA, tuttavia, afferma: Il partito vuole lavorare affinché “le persone provenienti dalla società degli immigrati che hanno origini etniche e religiose diverse” abbiano tutti i loro diritti e siano “adeguatamente rappresentate”. „Le loro opinioni, desideri, sogni“ non sono rappresentati dai partiti costituiti. Vede il nuovo partito “al centro della società”. Quindi la DAVA è solo un’innocua associazione che rappresenta gli interessi dei migranti musulmani in Germania? Oppure si tratta di rappresentare gli interessi di Erdogan?
Mustafa Yeneroglu conosce molte delle principali menti DAVA fin dai tempi antichi. L’avvocato turco-tedesco è stato al fianco di Fatih Zingal nella lobby di Erdogan e ha difeso la politica di Erdogan alla televisione tedesca, oggi è membro di un partito di opposizione nel parlamento turco e ha messo una linea chiara dietro il suo passato politico.
Yeneroglu, in genere, non ha molta considerazione dei partiti di minoranza. Non sarebbero in grado di “esercitare un’influenza concreta nella politica.” Yeneroglu supplica i turco-tedeschi di non farsi coinvolgere nel DAVA. Il modo giusto è impegnarsi nei “partiti consolidati e più grandi del centro democratico” per gli interessi della propria minoranza. Altrimenti contribuireste alla divisione della società.
DAVA si rivolge principalmente ai musulmani con passaporto tedesco; non solo dalla Turchia. Potrebbe quindi avere un grande potenziale per gli elettori, soprattutto tra coloro che non si sentono ancora rappresentati dai partiti tedeschi.
“Come riesce il presidente Erdogan a riunire 40.000 persone di origine turca sul Reno quando viene in Germania? E perché Olaf Scholz non riesce a riunire 4.000 persone di origine turca?” Negli ultimi decenni molto è mancato nella politica di integrazione.
Teoricamente, dopo la modifica della legge sulla cittadinanza, in futuro il potenziale elettorale sarà di circa cinque milioni di persone. Ma ci sono anche molti musulmani che non si considerano religiosi. E non tutti i musulmani religiosi sono sostenitori di Erdogan.Dava vuole candidarsi alle elezioni europee di giugno. Certamente sotto stretta osservazione, soprattutto per quanto riguarda l’influenza di Erdogan. È difficile dire quanti elettori potrà effettivamente mobilitare.

https://www.tagesschau.de/inland/innenpolitik/parteigruendung-dava-100.html

Scritto da: Stefano Becciolini

Rate it

Articolo precedente

Comunicazione

QUALCOSA STA CAMBIANDO

800 FUNZIONARI DEL GOVERNO U.S.A. E DELL'UE CONTRO ISRAELE ED IL GENOCIDIO A GAZADi Stefano Becciolini Logicamente in pochi ne parlano, anzi nessuno, semplicemente perchè ha qualcosa di clamoroso. Sono Funzionari Pubblici e non cittadini comuni  che hanno sottoscritto un documento  firmandolo.Non solo vengono denunciate le gravi violazioni del diritto internazionale contro Israele e a seguito della risposta del suo esercito  dopo l'attacco di Hamas,   sia la complicità attribuita all'Occidente […]

today3 Febbraio 2024 51 3

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


0%