Comunicazione

NOTIZIARIO DALLA GERMANIA DEL 27 NOVEMBRE 2023

today27 Novembre 2023 86 4

Sfondo
share close

Quando il buco da 60 miliardi ti lascia senza parole.
Mercoledí scorso la Corte costituzionale federale aveva vietato al governo federale di utilizzare i 60 miliardi di euro del fondo speciale per la lotta alla pandemia del coronavirus per misure di protezione del clima. La modifica del bilancio suppletivo per il 2021 è incostituzionale, lo ha annunciato mercoledì scorso la Corte Suprema tedesca a Karlsruhe.
Anche al nono giorno dopo la sentenza rivoluzionaria della Corte costituzionale federale sulla politica del debito della Repubblica Federale, le conseguenze per i bilanci federali e statali possono essere previste solo in modo approssimativo. L’unica cosa chiara è che il settore pubblico dovrà risparmiare se vuole rispettare i suoi obiettivi politici e allo stesso tempo soddisfare i severi criteri fiscali dei giudici di Karlsruhe.
Nel suo videomessaggio di venerdì pomeriggio, il Cancelliere ha impiegato quasi tre minuti per rispondere alle pressanti domande dei cittadini: qual è lo stato attuale delle finanze pubbliche? Cosa significa la crisi di bilancio per ciascun individuo? Tuttavia, Olaf Scholz non è riuscito a fornire alcuna risposta concreta: ha solo ripetuto gli obiettivi spesso citati del governo federale di aiutare l’Ucraina, limitare gli alti prezzi dell’energia, rafforzare la coesione sociale nel paese, promuovere la protezione del clima e digitalizzare il paese.
Dove esattamente il governo federale vuole o deve risparmiare per colmare il buco di decine di miliardi dopo la decisione di Karlsruhe – il Cancelliere non ha fornito questa informazione al suo pubblico. Nella migliore delle ipotesi, la sua preoccupazione per la pace sociale all’interno della società può essere interpretata come una risposta alle richieste recentemente più forti da parte dell’Unione, ma anche del suo stesso partner di coalizione, FDP, di mettere la matita rossa sulla spesa sociale durante la ristrutturazione del bilancio.
Almeno il Cancelliere ha parlato più del doppio del tempo del suo ministro delle Finanze Christian Lindner, che il giorno prima aveva impiegato ben 70 secondi per la sua secca e non sorprendente dichiarazione secondo cui ora ci sarebbe stato un bilancio suppletivo per l’anno in corso. Il Fondo economico e di stabilizzazione (WSF=Wirschaftsstabilisierungsfond) del governo federale mira a porre il freno ai prezzi dell’elettricità e del gas su una base costituzionalmente sicura per consumatori e aziende.
Nella campagna elettorale federale del 2021, Lindner aveva già fatto campagna con la promessa centrale di voler limitare l’indebitamento del governo federale a scapito delle generazioni future – e di escludere aumenti delle tasse.
Questo venerdì Christian Lindner ha cacciato il suo segretario di Stato al Bilancio Werner Gatzer (SPD), il che può essere interpretato come un segno esterno di un nuovo inizio nel Ministero federale delle finanze. Gatzer era considerato uno dei funzionari politici più influenti a Berlino; prestò servizio sotto i ministri federali delle finanze Peer Steinbrück (SPD), Wolfgang Schäuble (CDU) e Olaf Scholz (SPD). Con il licenziamento Lindner vuole probabilmente mandare il segnale che un modo di pensare socialdemocratico, cioè favorevole al debito, non ha più alcuna possibilità nella sua azienda.
Venerdì della prossima settimana il Bundestag discuterà per la prima volta del budget supplementare della Confederazione per l’anno in corso. Ciò è necessario perché la Corte costituzionale federale ha dichiarato inammissibile il trasferimento dei prestiti Corona non utilizzati al Fondo per il clima e la trasformazione (KTF). Per questo motivo ieri il ministro delle finanze Lindner ha annunciato la sospensione del freno all’indebitamento per il quarto anno consecutivo.

https://www.tagesschau.de/inland/innenpolitik/haushalt-lindner-scholz-104.html

Scritto da: Stefano Becciolini

Rate it

Articolo precedente

Comunicazione

NOTIZIARIO DALLA PALESTINA DEL 24 NOVEMBRE 2023

Parallelo Palestina - RIE Notiziario settimanale dal Medio Oriente del 24 novembre a cura di BECCIOLINI NETWORK e RETE INFORMAZIONE EUROPEA Una Parola un Link Stabilita una tregua umanitaria: leggi tutto punto per punto La Germania discuterà un progetto di legge affinché il riconoscimento dello stato sionista sia condizione sine qua non per ottenere la cittadinanza tedesca/ Greta Thunberg ha affermato che non c’è giustizia climatica in una terra occupata. […]

today26 Novembre 2023 34 3

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


0%