Comunicazione

NOTIZIARIO DALLA GERMANIA DEL 3 DICEMBRE 2023

today4 Dicembre 2023 41 1

Sfondo
share close

Videosorveglianza obbligatoria ai mercatini di Natale
Dopo tre arresti per attentati terroristici pianificati, il presidente del sindacato di polizia (GdP), Jochen Kopelke, consiglia di monitorare tutti i mercatini di Natale tramite video. “La videosorveglianza nei mercatini di Natale è uno strumento utile che dovrebbe essere utilizzato intensamente utilizzando le migliori tecnologie ,” Finora ciò è avvenuto solo in casi isolati perché spesso la videosorveglianza preventiva non è possibile a causa delle norme sulla protezione dei dati.
Kopelke sottolinea inoltre che la polizia deve disporre di molto personale per proteggere i mercatini di Natale: “La presenza viene rafforzata attraverso il cambio dei turni, il divieto di ferie e gli straordinari”. Questi turni aggiuntivi non potrebbero essere mantenuti in modo permanente. Anche Rainer Wendt, presidente del sindacato tedesco della polizia (DPolG), ritiene che la polizia sia attualmente sotto forte pressione. “Da un lato, a causa della guerra di Gaza, gli agenti di polizia lavorano per proteggere le istituzioni ebraiche. E dall’altro, la polizia federale non può fornire supporto ai mercatini di Natale negli stati federali perché sono legati al confine. Lì vengono intercettati anche coloro che rappresentano o potrebbero potenzialmente costituire una minaccia.
Recentemente sono stati arrestati nel Nord Reno-Westfalia e nel Brandeburgo due giovani di 15 e 16 anni e a Helmstedt è stato arrestato un ventenne che avrebbe pianificato un attentato a un mercatino di Natale. sono in custodia. La loro presunta pianificazione ricorda l’attentato del 19 dicembre 2016 alla Chiesa della Memoria a Berlino, in cui morirono complessivamente 13 persone, una delle quali anni dopo.

https://www.tagesschau.de/inland/polizei-videoueberwachung-weihnachtsmarkt-100.html

Cosa significa per le banche il fallimento di Signa
Signa Holding deve ai creditori cinque miliardi di euro
L’insolvenza di Signa Holding è probabilmente il più grande fallimento in Austria. La catena di grandi magazzini Galeria potrebbe presto avere un nuovo proprietario.
Il Gruppo Signa possiede numerosi immobili, spesso famosi, in tutto il mondo, come il Chrysler Building a New York e Selfridges a Londra. Un altro noto progetto di costruzione è la Elbtower di Amburgo. In Germania e Austria fa parte del portafoglio anche il gruppo di grandi magazzini Galeria Karstadt Kaufhof.
A Signa appartengono, tra gli altri, circa 1.000 aziende di commercio al dettaglio, singoli progetti di costruzione, promotori edili e ristoranti. La holding ha già avuto diversi fallimenti in Germania, Austria e Svizzera. Gli esperti si aspettano che anche altre aziende finiranno i soldi.
Il principale azionista della Signa Holding è la fondazione privata della famiglia Benko con una quota di controllo dell’85%. Dal 2017 Ernst Tanner, presidente del consiglio di amministrazione di Lindt & Sprüngli, detiene il 10% e Torsten Toeller il 5% delle azioni.
Dopo l’insolvenza di Signa Holding, il futuro del gruppo di grandi magazzini Galeria Karstadt Kaufhof è incerto.
René Benko ha trovato numerosi investitori per i suoi progetti: banche, assicurazioni e società di investimento hanno concesso prestiti a Signa. Secondo quanto riportato dai media, alcuni creditori provengono anche dalla Germania, come ad esempio le banche regionali dell’Assia-Thüringen, la BayernLB, la LBBW del Baden-Württemberg e la NordLB.
Le banche non vogliono confermarlo, ma secondo i rapporti a volte vale milioni a tre cifre. Quanto duramente si possono colpire le banche? “Le banche statali tedesche hanno sempre esigenze di investimenti relativamente grandi e sono quindi felici di essere coinvolte in progetti così grandi – con volumi piuttosto elevati”, afferma Hans-Peter Burghof, professore di banca all’Università di Hohenheim. “Ma queste banche devono anche diversificare molto bene i loro investimenti creditizi, e in questo senso non esiste alcun volume che possa davvero mettere in pericolo la singola banca statale.”
Il solo caso Signa difficilmente potrà scatenare una grande scossa per le banche. E se questo fosse solo l’inizio e l’elevato onere degli interessi mettesse gradualmente in ginocchio altre società immobiliari? Secondo il professore di scienze bancarie Burghof l’importanza dei crediti immobiliari per le banche è fondamentalmente grande. “Tuttavia si tratta solo in parte di attività di progetto, come qui a Signa, dove la sicurezza conta davvero.”
In gran parte si tratta anche di finanziamenti immobiliari privati, dove non conta solo il progetto, ma anche la solvibilità e la solvibilità del singolo debitore. I prossimi mesi dimostreranno quanto l’insolvenza di Signa continuerà a causare notizie cupe sul fronte societario. Per le banche coinvolte il fallimento sarà probabilmente doloroso, forse costoso, ma non una minaccia per la loro esistenza.

https://www.tagesschau.de/wirtschaft/finanzen/signa-insolvenz-banken-100.html

Scritto da: Stefano Becciolini

Rate it

Articolo precedente

Comunicazione

NOTIZIARIO DAL MEDIO ORIENTE E PALESTINA DEL 1° DICEMBRE 2023

Parallelo Palestina - RIE Notiziario settimanale dal Medio Oriente del primo dicembre a cura di B.N. e R.I.E. Una Parola un Link  Il 7 ottobre e stato un massacro di hamas o dell'esercito israeliano? /Sale a 3.200 il numero di palestinesi arrestati dal 7 ottobre /in Cisgiordania uccisi 223 palestinesi, tra cui 56 bambini /e durante i quattro giorni di tregua arrestati in 260 / Nel sistema giudiziario parallelo del […]

today3 Dicembre 2023 28

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


0%