Pensiamoci su: una rubrica di Luigi Orsino

Notizia di oggi: “Dobbiamo scovare gli ultra sessantenni che non si sono vaccinati”.
Esatto proprio scovare, non convincere o indurli a ripensarci motivando, con argomentazioni valide, la necessità di assumere un farmaco sperimentale. Il verbo scovare porta immediatamente alla mente il concetto di nascondere, o meglio di nascondersi per evitare di dover rispondere delle proprie azioni. Scovare criminalizza colui che ha motivi per non accettare imposizioni che ritiene errate, anzi dannose per se e per gli altri.

La minaccia continua ed assillante di emarginare chi non accetta di sottoporsi ad esperimenti farmacologici è indegna di qualsiasi paese che si ritenga civile e democratico.
Il vaccino non è obbligatorio ma chi non si vaccina non può frequentare locali pubblici, non può frequentare altre persone e, temo presto, non potrà neanche più recarsi in un supermercato senza esibire il lasciapassare, o nulla osta delle autorità.

Forse non è lontano il giorno in cui chi non si è vaccinato contro il covid dovrà portare un segno di riconoscimento ben visibile, forse non la stella gialla ma qualcosa di simile.
A questo punto la domanda è: Perché creare un caos di portata generazionale per contrastare un’epidemia non molto dissimile da una normale influenza stagionale?
Evidentemente perché non è la pandemia che si vuole sconfiggere.

E’ assolutamente spropositato il risalto mediatico che è stato dato alla così detta pandemia, così come lo è la propaganda martellante ad opera dei media con la complicità di presunti studiosi mentre scienziati dissidenti sono stati minacciati, zittiti e allontanati dalla comunità scientifica. Ugualmente è inspiegabile affossare l’economia con provvedimenti assurdi, contrari a qualsiasi teoria economica. Il suicidio economico messo in atto troverebbe ragione d’essere solo se vi fosse in atto un’epidemia paragonabile alla grande peste del XIV secolo o a quella, di Manzoniana memoria, del XVII secolo.

Allora perché tanti stati accettano di distruggere la propria economia per coprire una millanteria, una bugia facilmente verificabile?
Ovviamente non è semplice dare una risposta ad una simile domanda, si possono però fare delle ipotesi.
Alcuni decenni fa fu stabilito che il numero massimo di abitanti umani della Terra era di otto miliardi di individui.

Ebbene ci siamo, ad oggi gli esseri umani sono sette miliardi e seicento milioni. Si potrebbe pensare che, a suo tempo, sia stato messo a punto un protocollo in base al quale al raggiungimento della soglia demografica critica si attivino delle misure di contenimento e riduzione.
Il vaccino potrebbe essere un farmaco che abbassa la libido per cui meno accoppiamenti vuol dire meno figli e dunque diminuzione della popolazione terrestre?
Si potrebbe essere.

Così come una crisi economica mondiale potrebbe causare una grande carestia che unitamente alla mancanza di un sistema sanitario efficiente porterebbe agli stessi risultati di cui sopra.
In fin dei conti sappiamo che la maggior parte dei morti per cov-sars19 è stata causata da terapie sbagliate e da altre patologie non curate con la scusa che si era in emergenza.
Ancora una domanda: tutti i migranti che sbarcano sulle coste italiani sono regolarmente forniti di “Green pass”? E come lo avrebbero ottenuto considerato che provengono, in buona misura, da zone dell’Africa dove un ospedale è più raro di un elefante rosa a pois rossi?
Forse i migranti non vengono, quando riescono a rintracciarli, chiusi nei centri di detenzione che sono dei veri e propri colabrodi, ma vengono immediatamente sottoposti a controlli medici accurati. Ne dubito fortemente tenuto conto che hanno riportato in occidente malattie debellate da tempo come la tubercolosi.
LUIGI ORSINO (Scrittore, storico e blogger)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.